Bun B & Statik Selektah – TrillStatik

L’ha capita. C’è voluto un po’ di tempo – quasi un decennio, se vogliamo essere pignoli… – ma finalmente Statik Selektah s’è deciso a compiere una netta virata discografica verso lidi a lui già noti (vedi... Read more

ScHoolboy Q – CrasH Talk

Quella del paragone non è mai stata un’unità di misura che amo tirare fuori dal cassetto. Casi come quello di ScHoolboy Q costituiscono però quel genere di eccezioni che ci costringe a rivedere le nostre regole personali: così come accaduto in... Read more

Flying Lotus – Flamagra

Verrebbe da dire che stavolta Flying Lotus l’abbia fatta davvero grossa. Letteralmente: ha raccolto quasi settanta minuti di musica, si è lasciato suggestionare da un concept che intreccia mitologia, cosmogonia e (post)afro-futurismo, ha... Read more

AA.VV. – Rawkus Presents Soundbombing II

Il 18 maggio del 1999, cioè venti anni fa, Rawkus Records pubblicava “Soundbombing II”, capitolo mediano della serie che raccoglieva le hit della label indipendente, di volta in volta affidate all’estro di alcuni tra i migliori dj/selecta... Read more

Shafiq Husayn – The Loop

Ho perso di vista i Sa-Ra Creative Partners in concomitanza al rilascio del loro secondo (e ultimo) disco, “Nuclear Evolution: The Age Of Love”, ovvero quando le strade di Om’Mas Keith, Taz Arnold e Shafiq Husayn hanno imboccato direzioni... Read more

Jaysaun – Kill Ya Boss

Pur in assenza di un curriculum solista numericamente consistente, Jaysaun è una delle figure pionieristiche più prominenti dell’intera scena Hip-Hop di Boston, dapprima in qualità di elemento imprescindibile dei Kreators e in secondo luogo... Read more

Cannibal Hulk (Ill Bill and Stu Bangas) – Cannibal Hulk

<<I said ‘by the way, baby, what’s your name?’/Said ‘I go by the name of Lois Lane/and you could be my boyfriend, you surely can/just let me quit my boyfriend called Superman’>>. Nell’ormai lontano 1979 Big Bank Hank rappava così... Read more