Eminem – Recovery

Voto: 3/3,5

<<It’s different then last two albums didn’t count/”Encore” I was on drugs, “Relapse” I was flushing ’em out>>; <<I’ve got something to prove to fans I feel like I let ’em down>>. Due estratti da “Talkin’ 2 Myself”, che indietreggiano di due passi per provare a farne tre in avanti, con la consapevolezza di aver deluso molte persone, tra cui se stesso. “Recovery” è a tutti gli effetti un album terapeutico per Eminem, sopravvissuto a tutti gli abusi che la fama gli ha messo davanti, forte e fortunato al punto da riuscire a rifarsi una carriera, incazzato forse più di prima nei confronti di una vita che ha prodotto tanta ricchezza, ma con tanti rovesci della medaglia.

Il primo aspetto che si nota, in questa nuova avventura di Marshall Mathers, è la totale assenza di uno degli elementi che lo contraddistingueva di più, ovvero quell’humour tanto pungente quanto divertente da ascoltare, sia verso gli altri che verso di sé e che faceva da perfetto contraltare alle situazioni più biografiche e deprimenti del proprio passato. Manca tanto e purtroppo si sente. C’è tanta, tantissima rabbia, voglia di rivincita, di ricominciare, c’è rimpianto per essere arrivato così in basso da pensare di farla finita e per non essere riuscito ad assicurare una vita meno complicata alla famiglia costruita. Sentimenti, questi, che si riflettono nell’interpretazione del disco, per nulla cartoonistica, ma quasi sempre urlata. Le parti autobiografiche sono qui tra le più riuscite: “Going Through Changes” vince la palma di migliore del lotto con un giro di distacco, fondandosi su un campione del vecchio Ozzy Osbourne e sulla solita tecnica lirica vincente, la stessa che ha fatto guadagnare ad Em tonnellate di rispetto attraverso un modo tutto suo di raccontare le cose; “You’re Never Over” è la dedica a Proof, la cui morte è stata motivo per trovare il coraggio di andare avanti, mentre la sopra menzionata “Talkin’ 2 Myself” è un’analisi onesta di tutto ciò che fino a qui non andava, compresa l’invidia per chi ha avuto più successo, ammissione difficile per un rapper.

La parte mainstream dell’album funziona invece a tratti: “Love The Way You Lie” è indubbiamente ben fatta e avrà estrema facilità nel trovare i passaggi radiofonici grazie alla presenza di Rihanna, che svolge ottimamente il suo lavoro interpretativo nel ritornello, mentre la coppia di cloni semi-alternativi “Space Bound” e “25 To Life” attira per le chitarre acustiche e il coro cantato, senza tuttavia esagerare troppo in facilonerie preconfezionate per le classifiche. Altrettanto non si può dire per “Won’t Back Down”, abbinata a una P!nk impalpabile e una struttura musicale troppo insistente, così come per “No Love”, perdente a partire dalla scelta di campionare Haddaway e per giunta col featuring di Lil Wayne, che sentito sulla stessa traccia di Eminem dà inizio a un confronto abbastanza impietoso che sfocia nella manifesta inferiorità. Gli ospiti puntano quindi troppo sul nome di richiamo, tralasciando la sostanza di fondo, scelta discutibile assieme a quella di cantare personalmente tanti refrain senza avere la tonalità idonea per farlo e finendo per rovinare pure il singolo “Not Afraid”, davvero poco riuscito, e almeno altrI tre o quattro brani.

Chi acquisterà il disco troverà ancora troppe distanze con l’Eminem in piena valanga emotiva dei primi due album, Marshall Mathers è un mc per grandi platee e ha adattato i suoi suoni di conseguenza, pur restando eccellente nel porre in rima parole con giochi e tecniche che molti si sognano. Manca ora solo un passo: selezionare meglio le basi sopra le quali sputare quel fuoco che gli brucia dentro, dimenticandosi di amenità sul genere di “Cinderella Man”, “Seduction” o “W.T.P.”, cioè quei punti in cui il disco scende parecchio in termini di qualità. Solo allora potremo parlare di un recupero completo.

Tracklist

Eminem – Recovery (Aftermath Entertainment/Interscope Records/Shady Records 2010)

  1. Cold Wind Blows
  2. Talkin’ 2 Myself [Feat. Kobe]
  3. On Fire
  4. Won’t Back Down [Feat. P!nk]
  5. W.T.P.
  6. Going Through Changes
  7. Not Afraid
  8. Seduction
  9. No Love [Feat. Lil Wayne]
  10. Space Bound
  11. Cinderella Man
  12. 25 To Life
  13. So Bad
  14. Almost Famous
  15. Love The Way You Lie [Feat. Rihanna]
  16. You’re Never Over
  17. (Hidden Bonus)

Beatz

  • Just Blaze: 1, 9, 16
  • Dj Khalil: 2, 4, 12, 14
  • Mr. Porter: 3
  • Dwayne “Supa Dups” Chin-Quee with the co-production by Jason “JG” Gilbert and the additional production by Eminem: 5
  • Emile Haynie: 6
  • Boi 1da with the additional production by Eminem, Jordan Evans and Matthew Burnett: 7
  • Boi 1da with the additional production by Matthew Burnett: 8
  • Jim Jonsin: 10
  • Script Shepherd: 11
  • Dr. Dre and Nick Brongers: 13
  • Alex Da Kid: 15
  • Havoc with the co-production by Magnedo7: 17
The following two tabs change content below.

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
IllBillSeptagram.jpg