R. Kelly & Jay-Z – The Best Of Both Worlds

Voto: 2 | Reviewed by Icon

Ma dico, era proprio necessario? E’ questa la domanda che sorge spontanea subito dopo il primo ascolto di “The Best Of Both Worlds”, un album tanto inutile, quanto riuscito male. Dico io, ma Jay-Z aveva così tanto bisogno di fare un disco come questo quando ne ha ancora due che stanno spaccando le classifiche? E se R. Kelly è ancora il re sia di vendite che di qualità dell’R’n’B, per quale motivo doveva fare un disco col Jigga Man? I due probabilmente hanno notato che i due singoli che hanno fatto assieme (il remix di “Fiesta” di Kelly e “Guilty Until Prove Innocence” contenuta in “The Dynasty”) sono diventate delle super hit, perciò hanno pensato bene di mettere assieme tredici tracce per fare ancora un po’ di grana (come se non ne avessero già abbastanza…).

Beh, come avrete capito, il risultato è davvero pessimo, la maggior parte delle tracce sono prodotte dai Trackmasters (soprattutto da Tone che, coi due protagonisti, è il terzo produttore esecutivo dell’operazione) i quali non ne azzeccano una, realizzando basi prevedibili destinate esclusivamente alla classifica. Per quanto riguarda i due protagonisti, il risultato è di poco superiore: Jay-Z imbecca qualche strofa (vedi “It Ain’t Personal” e “The Streets”), risultando tuttavia monotono nelle argomentazioni e perdendo sicuramente un po’ di credibilità nei confronti del pubblico che ascolta Hip-Hop; Kelly centra sì qualche ritornello, qualche strofa, ma la maggior parte delle volte non sembra neanche che canti.

Il meglio del disco lo si ritrova in “Break Up To Make Up” (carino il ritornello), “It Ain’t Personal” (ottimo Jay, bel riff, discreto il beat) e “The Streets” (l’unico pezzo davvero riuscito), il resto è da saltare (magari dando un’ascoltatina veloce alla divertente “Pussy”, col mitico Devin The Dude), perché si va dal ridicolo (“Shake Ya Body”, con una scarsissima Lil’ Kim) all’inascoltabile (“Get This Money”). C’è anche una traccia solista di R. Kelly, “Naked”, una specie di Soul (senza alcun beat) nel quale il nostro chiede a una donna di spogliarsi; inutile dire che il risultato è pessimo. “TBOBW” è da evitare, se avete venti carte in tasca usatele per qualcosa di migliore; magari date un’occhiata ai vecchi titoli dei due e, se vi manca ancora qualcosa, recuperate. Ripeto: era proprio necessario?

Tracklist

R. Kelly & Jay-Z – The Best Of Both Worlds (Def Jam Recordings/Roc-A-Fella Records/Jive 2002)

  1. The Best Of Both Worlds
  2. Take You Home With Me aka Body
  3. Break Up To Make Up
  4. It Ain’t Personal
  5. The Streets
  6. Green Light [Feat. Beanie Sigel]
  7. Naked
  8. Shake Ya Body [Feat. Lil’ Kim]
  9. Somebody’s Girl
  10. Get This Money
  11. Shorty
  12. Honey
  13. Pussy [Feat. Devin The Dude]

Beatz

  • Megahertz: 1
  • Trackmasters and R. Kelly: 2, 3, 4, 8, 9, 11, 12
  • R. Kelly: 5, 7
  • R. Kelly with the co-production by Tone: 6, 10
  • Charlemagne: 13
The following two tabs change content below.
Mistadave

Mistadave

Mistadave

Ultimi post di Mistadave (vedi tutti)