The Whitefield Brothers – Earthology

Voto: n.g. | Reviewed by Bra + Fugu

Se avete apprezzato Clutchy Hopkins, El Michels Affair, Karl Hector & The Malcouns, The Heliocentrics, NOMO e altri realtà (ne sono, per fortuna, sempre più) che mischiano la tradizione dell’Afrobeat, il calore del Funk, gli spigoli del Jazz e le simmetrie dell’Hip-Hop, i Whitefield Brothers dovrebbero piacervi tanto quanto loro. I due fratelli sono tedeschi e si chiamano Jan e Max Weissenfeldt, il primo si occupa di chitarre e partiture, il secondo delle ritmiche; in più fanno parte, in singolo o in coppia, di diversi collettivi accomunati dal medesimo approccio orchestrale verso un certo tipo di sound, come ad esempio Poets Of Rhythm e i già citati Karl Hector & The Malcouns.

“Earthology”, il loro secondo disco, esce per la Now-Again e segue la ristampa (Egon non sbaglia un colpo!) di “In The Raw”, datato in origine duemiladue; la novità, rispetto a quest’ultimo, è data dalla presenza del Rap in un paio di brani, per il resto abbiamo un’imponente ossatura costituita da robusto Funk, fiati e xilofoni (“Safari Strut”), flauti dolci e campanacci (“Reverse”, “The Gift”), strumenti a corda probabilmente asiatici (“Taisho”) o provenienti dal bacino del mediterraneo (“Sem Yelesh”), tromboni (“Sad Nile”), percussioni in legno (“Ntu”) e un’estetica globale che potremmo definire solo così: psichedelica. Si intuisce, insomma, il desiderio di contaminare le strutture e i ritmi della musica afroamericana attraverso una gustosa esplorazione dei cinque continenti, il che riesce a tradurre compiutamente il termine earthology.

Poco prima si diceva anche degli ospiti. Sebbene non siano molti, i loro interventi sono ben dosati e riescono ad aver un senso all’interno di un disco che, tutto sommato, se fosse rimasto interamente strumentale avrebbe conservato la stessa e identica levatura: Percee P e MED se la giocano in casa, perché arrivano dal roster della Stones Throw, Edan e Mr. Lif assieme funzionano sempre perciò sono i benvenuti. Tolti loro, c’è spazio per gli El Michels Affair, i quali continuano a viziarci con dell’ottima musica dopo i tributi a Isaac Hayes e Wu-Tang Clan, Quantic (eclettico produttore polistrumentista) e altri musicisti presenti qua e là. Se non si fosse ancora capito, “Earthology” gira nello stereo che è un piacere. Chiaro?

Tracklist

The Whitefield Brothers – Earthology (Now-Again Records 2009)

  1. Joyful Exaltation [Feat. Bajka]
  2. Safari Strut
  3. Reverse [Feat. MED and Percee P]
  4. Taisho
  5. Sad Nile
  6. The Gift [Feat. Edan and Mr. Lif]
  7. Ntu
  8. Pamukkale
  9. Alin
  10. Breakin’ Through [Feat. El Michels Affair]
  11. Sem Yelesh
  12. Lullaby For Lagos [Feat. Quantic]
  13. Chich

Beatz

All tracks produced by The Whitefield Brothers

The following two tabs change content below.