AZ – The Format

Voto: 3,5

AZ06500Dal suo esordio nel 1994 su “Illmatic”, passando per ben cinque dischi solisti e il progetto a più teste The Firm, da AZ ci si aspetta insistentemente quel capolavoro che non è mai arrivato. Tolto “S.O.S.A.”, un bootleg che forse nel complesso vanta i risultati migliori dell’mc, Anthony Cruz è sempre stato in bilico tra sonorità underground e non, fallendo di volta in volta l’occasione per sfondare. Al suo sesto tentativo, l’impressione è che il discorso si ripeta quantomeno in parte: diciamo subito che, fatta eccezione per un gruppetto di tracce, il disco è uniforme e musicalmente gradevole, AZ è un liricista di grande talento, scrive ottime rime e si circonda di professionisti quasi sempre alla sua altezza; eppure nei suoi tre quarti d’ora spaccati “The Format” proprio non riesce ad assestarsi sul gradino più alto della scala.

Tredici tracce non sono tantissime, ma ad AZ bastano per confermare cosa sa fare con un microfono tra le mani, lo dimostra l’ottima apertura di “I Am The Truth” e “Sit ‘Em Back Slow” (quest’ultima con un apprezzabile featuring degli M.O.P.), entrambe dedicate alla strada ed alle classiche tematiche presenti in un disco Hip-Hop: <<strategic tactics, beliefs is backwards/sites of homicide on the streets is graphic/in front of momma is five niggas freezin’ traffic/with their drug transactions/the love can’t happen>>. Tra i vari produttori coinvolti, chi se la cava meglio è senz’altro Emile, che su quattro tracce non ne sbaglia neppure una, seguono subito appresso J. Cardim (da ricordare in particolare per “Rise & Fall”) e Statik Selektah; di segno inverso Fizzy Womack, che alterna la potenza di “I Am The Truth” con l’incomprensibile mediocrità di “Doing That!” (una delle cose più brutte di tutto il 2006), tali Arnold Mischkulnig e Bob Perry in “Games” e perfino sua maestà Premier (sigh!), che nella titletrack ricicla senza grandi sorprese una formula già sufficientemente abusata.

E infatti proseguendo con l’ascolto “The Format” offre il suo meglio in “Make Me”, la già citata “Rise & Fall”, con un Phonte in gran forma (<<all I need is six bars and an intro/cause I relate to these beats like they were kin folk>>) e “This Is What I Do”, cui seguono le note conclusive di “Game Of Life” (il testo non è male, ma il giochino di chiudere ogni rima su <<here>> alla lunga stanca) ed il veloce amarcord di “Royal Salute”. A questo punto sopraggiunge il silenzio, il CD rallenta piano piano fino a fermarsi ed inevitabilmente comincia a formarsi un giudizio…positivo, sì, ma senza particolari entusiasmi.

Tracklist

AZ – The Format (Quiet Money Records 2006)

  1. I Am The Truth
  2. Sit ‘Em Back Slow [Feat. M.O.P.]
  3. Get High
  4. Make Me [Feat. Fresh]
  5. Games [Feat. Samson]
  6. Rise & Fall [Feat. Big Pooh, Phonte]
  7. Animal
  8. Doing That! [Feat. Jha-Jha]
  9. This Is What I Do
  10. The Format
  11. Vendetta [Feat. Fresh and Ralo]
  12. Game Of Life
  13. Royal Salute

Beatz

  • Fizzy Womack: 1, 8
  • Face Defeat and Fizzy Womack: 2
  • Emile: 3, 4, 12, 13
  • Arnold Mischkulnig and Bob Perry: 5
  • J. Cardim: 6, 9, 11
  • Dj Statik Selektah: 7
  • Dj Premier: 10
The following two tabs change content below.

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
IllBillSeptagram.jpg