Bras – Zamparini

Un personaggio controverso e discusso come Maurizio Zamparini a unire le barre palermitane di Bras e le produzioni veneziane di Nex Cassel, un trait d’union tanto fallimentare sul lato sportivo quanto riuscito in questa versione, con un disco tutto sostanza e palle, che gira decisamente benone dal primo al ventiduesimo e – ahinoi – ultimo minuto. Otto tracce che sorprendono e soddisfano in pieno grazie a barre potenti, crude e dirette, al limite della brutalità, ulteriormente rafforzate da strumentali dritte e dalla struttura tutta tendini e nervature, zero orpelli e massa grassa praticamente inesistente.

La scenografia non può che essere a tinte rosanero, con sguardo e rime di Bras rivolti rigorosamente all’ambiente circostante, affrontato sempre a testa alta e puntando tutto su concretezza (<<il micro, lo studio, mixaggio/il Rap, l’Hip-Hop e il messaggio/il mio fottuto viaggio/ritorno dal futuro ad insegnare disciplina/perché trasuda di Cultura ogni mia rima>>“Conca d’oro”) e vissuto (<<capisci sempre dopo, col senno di poi/non c’è futuro, non per quelli come noi/la fretta mangia il cuore dei più grandi/cercando tra la sabbia i diamanti/…/teste calde fanno a gara per essere i capi/da dove vengo io muoiono tutti ammazzati/con il mito per il Rap criminale/chiusi dentro un tribunale con il vizio di parlare/non c’è tempo per pensare/uomo lotta che la vita ogni giorno si fa più corta>>“La Favorita”).

Contesto difficile e complicato quello del capoluogo siciliano, nel quale vivere molto spesso è sinonimo di sopravvivere e dove è essenziale trovare l’equilibrio tra attributi e sguardo basso (<<la gente qua si ammazza per l’oro/danno spazzatura, ci fanno vivere fra quattro mura/il mio stato di repressione, calcio in televisione/uccide i sogni, lobotomizza le persone/…/A.C.A.B., anarchia, non votare/è solo un altro modo per poterti controllare/…/la notte è cattiva e la strada più che mai/una parola poca e due troppe e cominciano i guai/e se lo vuoi sapere, qua non paghi se non sbagli/ma fuori dal sistema sono tagli>>“C.N.I.”). Come fedele compagno, Bras ha sempre avuto al proprio fianco l’Hip-Hop in due dei suoi elementi cardine, ossia il writing (<<non me ne fotte un cazzo della street art/se non fai treni non sei un writer, sucker/…/è una guerra/le meglio carrozze stanno sotto terra/le devi trovare, poi capire come entrare/è una lotta di quartiere/mani sempre sporche, in culo alle vostre mostre>>“Renzo Barbera”) e appunto il Rap (<<mangio rapper come paste nelle feste/prima del HD/prima del VHS/vinto tutto le scommesse/sapevo che sucate/non pensavo vi piacesse/…/la rivolta è nelle menti di chi ascolta/non parlarmi di cultura/quella ormai è morta e sepolta>>“Edinson Cavani”; <<puoi non ascoltare qualora non piaccio/solo qualche tiro, giuro che non spaccio/musica, veicolo per dire ciò che faccio/marcio, sputo il mio veleno a lungo raggio>>“Paulo Dybala”; e <<quando sale la Luna tu affidati alla fortuna/abbiamo la pelle dura come i pellerossa/con l’anima che è ridotta solo pelle e ossa>>“G.D.S.”).

In un disco schietto e senza filtri come questo non possono mancare le molotov lanciate contro la scena attuale e qui tocca sentire e risentire la posse “Serie D” dove, su una strumentale grassa e rotonda, al fianco di Bras (<<violenza nelle barre, ritirati coglione, non sai farle/Palermo la città, mi ha fatto grande/fortuna nella fogna c’è ancora chi mi assomiglia/rappo per i soldi, per l’onore di mia figlia/…/tornato dall’Inferno adesso senti le fiamme/fuoco, il Rap è cosa seria, non chiamarlo gioco>>) troviamo il gotha di casa M*R*G*A (Blo/B: <<se smetti di lavorare per il Rap, B, ti va male/rappi male, parli male, sì peggio di Di Natale/questo flow sulla bancarella a Ballarò/non sei Marciano, bufala, Rosario Marcianò/…/non è cosa vostra, manco cosa mia/un amen per San Marco, un altro a Santa Rosalia/matrioska tu che chiavi un cesso dentro un cesso/gioco in Champions, outsider mai retrocesso>>; e il sempre delicato Gioielli: <<scrivo barre calde e poi la porto in Kenya/ti ha fatto stare male, la chiami Crudelia/forse perché si è fatta tutti i centouno/sai com’è che girano qui certi rumor/senti come suona/faccio il disco dell’anno che lo chiamo “Brutta persona”/…/le tue barre sono taglio, io bicarbonato/ci faccio bloody money, nuovo Noreaga/e poi strofe malate più di Taylor Mega>>), come pure nuove leve e potenziali top player (alias Armani Doc: <<tu rappi bene, io rappo figo/io sono qui, tu sei chi?/Ah, Young Lil, questo è il motivo/e non mi serve un dito/sarà arroganza/ma da quando ho una crew che squarta mi sento primo>>) e Lil Pin (<<in questo mondo nuovo sono la droga, sono il soma/non sono barre o flow, sono la somma/…/vuoi essere me, frate’, col cazzo/che spacco i culi come se mi fossi fatto il nome col cazzo/questa scena di babbi è come un porno/la chiamo Cuckold perché io faccio e tu guardi>>).

In un momento storico in cui il Rap è diventato un mero mezzo di trasporto, un carro sul quale salire perché in voga e poi scendere alla prima stazione, con “Zamparini” Bras e Nex cercano di ripristinare il sistema per riportarlo allo stato originario, quando c’erano solo sample e rime e il contesto era la strada e/o il quartiere, poca visibilità ma tanta voglia di esprimersi e condividere, lasciare un segno, una tag. Per quanto mi riguarda, obiettivo pienamente raggiunto con un dischetto assolutamente da non perdere.

Tracklist

Bras – Zamparini (Make Rap Great Again 2020)

  1. Conca d’oro
  2. La Favorita
  3. C.N.I.
  4. Serie D [Feat. Armani Doc, Blo/B, Gionni Gioielli e Lil Pin]
  5. Renzo Barbera
  6. Edinson Cavani
  7. Paulo Dybala
  8. G.D.S.

Beatz

Tutte le produzioni di Nex Cassel

The following two tabs change content below.
Avatar

Gabriele Bacchilega

Avatar

Ultimi post di Gabriele Bacchilega (vedi tutti)

Related posts

ClaverGoldRequiem.jpg
AxosMitridate.jpg
SferaEbbastaCharlieCharlesXDVR.jpg