Dream McLean – Greyscale

Voto: 3,5

dreammcleangreyscale500In cuffia già mesi fa con “Sloe Gin“, prodotta da Nightwatch (Noisia!), e con la più conosciuta “Let You Go“, coi compari Chase & Status, produttori di molti dei suoi brani e proprietari della MTA, label di uscita di “Greyscale”, Dream McLean ci presenta (così) il suo primo full length dopo “Weatherman EP” del 2013 e alcuni singoli pubblicati ancor prima. Partiamo subito: synth ipnotici di High Frequency nell’unica strofa di “Bastard”, dove Dream, in hangover tra alcool e sesso, si autoproclama un vero stronzo.

Interessante la Progressive “Hi-Fi”, che sfocia nell’hook in una Drum’n’bass decisa, profonda e triste allo stesso tempo; “Slut” aumenta i giri grazie a Benson, ai bei giochini da uno a dieci nella seconda strofa e a barre tipo<<she said “can I ask you a question?”, I said “why you asking about asking? Bitch, just ask it”>>. Ancora droga & co. in “D.W.I.D.” assieme a CASisDEAD e Professor Green, che perde la fede nuziale per un mix di coca e keta (!); in “Black & White” la riflessione contemporanea <<old hoes like “oh, you Rap now?”/New hoes like “oh, you Rap? Wow”/me, I’m just here in the background>> è a mio parere fighissima.

Punti bassi “The Unholy Trinity”, “Pharaoh“, “Sumtimes” e la banale produzione filth di “Angel Dust”; l’iceberg invece è “Hunwicke Road Interlude”, sull’oscuro carpet targato Noisia e con quelle modulazioni/distorsioni di voce amabilissime su un McLean che ci parla di freddo e guerra in uno scenario cyperpunk: brano migliore del disco, peccato che non c’entri nulla con tutto il resto. La traccia rappresentativa dell’album è decisamente “Colour Blind”, con i vocals di Abi F Jones:<<the hills are grey, the sun is white>>; sembra anche la descrizione della cover. Il nostro è spesso high, testimonianza la media totale dei bpm di ogni brano. Onnipresente una lei, che talvolta prende il nome di “Alice” (in wonderland), talvolta più genericamente she o her.

I ritornelli funzionano ottimamente, al contrario di qualche rima che pecca a volte in ricerca e significato, fortunatamente non in tecnica o espressività. I suoni sono ultraclassic UK, stop. E’ Soft Grime: disco dannatamente lento e nonostante non si regga in piedi per la sbornia e i viaggioni (sentimentali) conseguenti è come se lo fosse perché gira come deve girare, senza arrivare a picchi altissimi ma va benissimo così, d’altronde le sfumature di grigio non possono essere racchiuse in sole tredici tracce. Album interamente ascoltabile su Soundcloud.

Tracklist

Dream McLean – Greyscale (More Than Alot Records 2014)

  1. Bastard
  2. Colour Blind
  3. The Unholy Trinity
  4. Alice
  5. Hi-Fi
  6. Black & White [Feat. Wallace RiceP]
  7. Slut
  8. All Good Is Evil
  9. D.W.I.D. [Feat. CASisDEAD and Professor Green]
  10. Pharaoh
  11. Hunwicke Road Interlude
  12. Sumtimes
  13. Angel Dust

Beatz

  • High Frequency: 1, 5, 8, 9
  • Tom Demac: 2
  • The Purist: 3
  • Spacedtime: 6
  • Benson: 7
  • Chase & Status: 10, 13
  • Nightwatch: 11
  • Sumgii: 12
The following two tabs change content below.
Think'd
DATA DI NASCITA 1° novembre 1987 PROFESSIONE vivere PASSIONI costanti tentativi di aumento del Q.I. personale PROGETTI PER IL FUTURO il futuro non esiste NELLO STAFF DAL novembre 2013
Think'd

Ultimi post di Think'd (vedi tutti)

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
IllBillSeptagram.jpg