Tony Touch – The Piece Maker

Voto: 4,5

Quanti dj ci sono in circolazione? Tanti. Quanti possono vantare un’esperienza e una longevità come quelle di Tony Touch? Pochi. Pochissimi. La sua carriera passa infatti attraverso un numero infinito di mixtape e collaborazioni con gli artisti più famosi in circolazione, più o meno underground ma non per forza. La forza di Tony Toca risiede nella sua grande originalità e nella capacità di unire caratteristiche prettamente Hip-Hop con sonorità che richiamano la sua terra, il Porto Rico, strategia rafforzata dal suo caratteristico spanglish e che lo affianca a Cypress Hill, Big Pun e tanti altri.

“The Piece Maker” è il punto d’arrivo del suo cammino evolutivo, un concentrato di stile e ritmi, in sostanza ottima musica per ben settanta minuti fitti fitti. Il disco si apre con la traccia che dà il titolo all’album e subito le casse si spaccano in due: Tony e Premier si trovano a occhi chiusi, con un gran ritornello scratchato cui seguono le rime del maestro Guru. Che trio devastante! “Set It On Fire” ospita Busta Rhymes e la sua Flipmode Squad per un rifacimento di “On Fire” degli Stetsasonic, immancabili i Cypress Hill in “U Know The Rules”, episodio più cupo e riflessivo seguito dal Wu-Tang Clan che, con “The Abduction”, torna in parte alle atmosfere dei loro inizi con l’aggiunta di qualche contaminazione più digitale.

Tony seleziona con grandissimo intuito ogni collaborazione, in “Likwit Rhyming” ad esempio Dj Scratch spalanca le porte a Tash, Xzibit e Defari, combo eccellente, il pezzo più spanish è senza dubbio “The Return Of The Diaz Bros.”, dove Tony, Doo Wop e Pain In Da Ass rivisitano “Salsation” di David Shire. Spazio poi al crudo underground in “No, No, No” per gli Heltah Skeltah e Starang, ai grandi nome come Prodigy in “Basics”, a quelli meno noti come in “I Wonder Why?” con Keisha e Pamela Long, a un Mos Def che in “What’s That?” si esprime in un idioma non suo con risulti comunque gradevoli.

In pratica, andrebbero segnalate tutte le tracce, pena fare un torto a Greg Nice, Psycho Les e i D-12; ma per ultima però devo citare “Class Of ’87” con tre illustri vecchietti che rispondono al nome di Big Daddy Kane, Kool G Rap e KRS-One, che qui dimostrano di non aver perso per strada la loro grande energia. E che dire? Grande Mr. Toca…classe a tonyllate!

Tracklist

Tony Touch – The Piece Maker (Tommy Boy Music 2000)

  1. Toca’s Intro [Feat. Baby Touch, Bonz Malone and Pedro Albizu Campos]
  2. The Piece Maker [Feat. Gang Starr]
  3. Set It On Fire [Feat. Flipmode Squad]
  4. U Know The Rules (Mi Vida Loca) [Feat. Cypress Hill]
  5. The Abduction [Feat. Wu-Tang Clan]
  6. Likwit Rhyming [Feat. Xzibit, Tash and Defari]
  7. Royce The 5’9” (Interlude) [Feat. Royce Da 5’9″]
  8. The Return Of The Diaz Bros. [Feat. Doo Wop and Pain In Da Ass]
  9. No, No, No [Feat. Heltah Skeltah and Starang Wonduh]
  10. I Wonder Why? (He’s The Greatest Dj) [Feat. Keisha and Pamela Long]
  11. Basics [Feat Prodigy]
  12. Pit Fight [Feat. Greg Nice and Psycho Les]
  13. What’s That? (¿Que Eso?) [Feat. De La Soul and Mos Def]
  14. The Club [Feat. D.I.T.C., Kid Capri and Party Arty]
  15. Cormega (Interlude) [Feat. Cormega]
  16. The Foundation [Feat. Big Pun, Sunkiss and Reif-Hustle]
  17. Get Back [Feat. D-12 and Eminem]
  18. Adolf “8-Off” Agallar (Interlude) [Feat. 8-Off]
  19. Class Of ’87 [Feat Big Daddy Kane, Kool G Rap and KRS-One]
  20. P. R. All-Stars [Feat. Mexicano 777, Don Chezina, Rey Pirin, Winchester Yankee and La Queen]
  21. Borinquen (Outro)

Beatz

  • Psycho Les: 1, 12
  • Dj Premier: 2
  • Dj Shok: 3
  • Dj Muggs: 4
  • True Master: 5
  • Dj Scratch: 6
  • Tony Touch: 7, 8, 9, 10, 20, 21
  • The Alchemist: 11, 15, 17
  • Maseo: 13
  • Showbiz: 14
  • 8-Off: 16, 18, 19

Scratch

  • Tony Touch: 1, 6, 17, 19, 21
  • Dj Premier: 2
The following two tabs change content below.

Moro

Ultimi post di Moro (vedi tutti)