“Stay come il merlo 2030” e’ il nuovo video di Speaker Cenzou con Clementino, Rocco Hunt, Valerio Jovine e Papa J

Se negli anni ’90 “Stai come il merlo” era un inno alla legalizzazione delle droghe leggere, Speaker Cenzou ritorna oggi sul tema con una posizione di spessore: la legalizzazione della marijuana – spiega il rapper di San Gaetano – è innanzitutto sviluppo e lavoro, il modello cui dovremmo guardare nel nostro Paese è quello del Colorado negli Stati Uniti, dove la legalizzazione ha portato aumento di posti di lavoro, abbassamento delle tasse e benessere per i cittadini. Le battaglie antiproibizioniste oggi hanno prodotto risultati in tutto il mondo e non possiamo non vederli, sono lì e parlano di aumento del PIL, occasioni di lavoro e interi nuovi settori produttivi che si sviluppano. Ma soprattutto in Italia significa debellare le organizzazioni criminali che vendono marjuana di bassa qualità e si arricchiscono con i profitti. Una hit dal beat deciso curato da Iken, presenta “Stay come il merlo 2030” come un lavoro di contenuto e non di semplice svago: molto spesso – prosegue Cenzou – i rapper fanno brani sulla legalizzazione solo come oleografia della cultura dello sballo, personalmente non solo non mi interessa questo ma credo che trascendere in banalizzazioni sia dannoso e non serva a focalizzare il problema e le proposte. Il video, curato dalla Sfiamma Production di Luca Maisto, fa vivere i personaggi del brano – pupazzetti di plastilina che animano una scenografia artigianale e minimale – in una sorta di fiaba antiproibizionista: dai pupazzetti di Speaker Cenzou, Clementino, Rocco Hunt, Jovine e Papa J, passando per il merlo e i dottori merli, fino a Giovanardi (che interpreta la politica contro la legalizzazione), il nerd proibizionista e il poliziotto stilizzato come un nazista. Una fiaba che avrà ovviamente il suo lieto fine…

Related posts

MastaAceMarcoPoloABreukelenStory.jpg
bjbrothers.jpg
rancoreseguime2016.jpg