Quannum – Spectrum

Voto: 3,5/4

Dal 1992 la SoleSides Crew ha sperimentato con l’Hip-Hop, le sue radici musicali e le sue derivazioni, assieme a migliaia di altri musicisti, rapper, produttori, b-boy, writer e dj provenienti da ogni parte del mondo. Da questa eloquente nota di copertina si capisce che dietro al progetto Quannum ci sono dei personaggi che hanno una certa esperienza all’interno dell’universo Hip-Hop. Blackalicious, Dj Shadow, Lateef e Lyrics Born (Latyrx), collettivo precedentemente conosciuto proprio come SoleSides Crew, dopo sette anni, cinque album e tre EP facenti capo a vari progetti e oltre un milione di copie vendute che sono servite loro a crearsi uno spazio all’interno del panorama musicale mondiale, tornano tutti assieme con un nuovo nome (Quannum), una nuova etichetta (Quannum Projects) e un nuovo disco (“Spectrum”), con l’intento di continuare, utilizzando soluzioni stilistiche sempre nuove, a produrre Sole music di qualità, proprio come facevano dal ’92.

Nei dodici brani che compongono l’album, i nostri possono contare sul supporto di altri personaggi (collaboratori di vecchia data o nomi poco noti della scena black): i Jurassic 5 nell’iniziale “Concentration”, un bel pezzo corale che è anche il vero manifesto di tutto il disco; il veterano neo-avanguardista Divine Styler, presente in uno degli episodi più sperimentali, “Divine Intervention”; i Poets Of Rhythm, che creano il tappeto sonoro per la performance canora di Lyrics Born nell’irresistibile primo singolo “I Changed My Mind”; i Souls Of Mischief (Hieroglyphics) ed El-P (Co-Flow), presenti rispettivamente in “The Extravaganza” e “Looking Over A City”; le vocalist Erin Anova e Joyo Velarde, che introducono i momenti più esplicitamente Soul. Le produzioni sono distribuite piuttosto uniformemente tra Chief Xcel, Lyrics Born e Dj Shadow, quest’ultimo responsabile dei beat migliori (tra cui quelli per la futuristica “Storm Warning” e la trascinante “Hott People”).

Non mi sento di definire “Spectrum” una semplice compilation, tuttavia, sia per la notevole varietà di stili degli interpreti che per la oggettiva complessità del progetto stesso, le canzoni che la compongono non sempre riescono a mettere in luce le reali potenzialità dei componenti del collettivo (il paragone con i singoli esordi solisti di Blackalicious, Latyrx e Dj Shadow è quasi automatico). Sicuramente, per chi non conosce gli artisti in questione, si tratta di una buona occasione per cominciare ad avvicinarsi al sound di una delle migliori crew della Bay Area e comunque costituisce un vivido esempio di quell’Hip-Hop indipendente ben lontano dai noiosi cliché di quella musica da classifica fatta senza un minimo di creatività (e di coraggio). Un album piuttosto sperimentale, consigliabile soprattutto a chi ama i prodotti del sottosuolo.

Tracklist

Quannum – Spectrum (Quannum Projects/Mo’ Wax Labels 1999)

  1. Concentration (Quannum MC’s and Jurassic 5)
  2. One Of A Kind (Blackalicious)
  3. Storm Warning (Latyrx)
  4. Divine Intervention (Divine Styler and Dj Shadow)
  5. Mic Break (Mack B-Dog and The Gift of Gab)
  6. Golden Rule (Maroons feat. Erin Anova)
  7. People Like Me (Joyo Velarde)
  8. I Changed My Mind (Lyrics Born and The Poets Of Rhythm)
  9. The Extravaganza (Quannum MC’s and Souls Of Mischief)
  10. Hott People (Lyrics Born)
  11. Looking Over A City (Latyrx feat. El-P)
  12. Jada’s Vengeance (Blackalicious with Maroons and Joyo Velarde)
  13. Mic Break 2 (Mack B-Dog and Chief Xcel)
  14. Bonbonyall (Quannum MC’s)
  15. Mic Break 3 (Mack B-Dog)

Beatz

  • Lyrics Born: 1, 7, 9
  • Chief Xcel: 2, 5, 6, 12
  • Dj Shadow: 3, 4, 10, 14
  • The Soul-Saints: 8
  • El-P with the additional production by Lyrics Born and Dj Shadow: 11
  • Dan The Automator: 15
The following two tabs change content below.