N.W.A. – 100 Miles And Runnin’

Voto: 4

Travolti come furono dal successo e dalla notorietà, i Niggaz With Attitude si ritrovarono a dover pagare il conto che fama improvvisa e gloria si portano sempre appresso, aspetto che peraltro riguarda sempre il lato economico della faccenda. Esplosi con lo storico “Straight Outta Compton” e da lì in poi perseguitati da censura, Polizia e qualsiasi autorità che volesse farli tacere per sempre, gli N.W.A. arrivarono al punto di non sapersi più gestire e doversi litigare le grandi somme derivanti dal racconto della crudeltà delle strade di Compton, con la conseguenza dell’abbandono da parte dello scrittore più prolifico del gruppo, Ice Cube, il quale, sentendosi derubato di qualcosa, cominciò una guerra verbale con gli ex compagni che sarebbe terminata solo dopo la morte di Eazy-E.

“100 Miles And Runnin'” rappresenta gli N.W.A. proprio a quel punto della loro breve esistenza e nella sua natura di EP simboleggia in tutto e per tutto un test nei confronti del pubblico, una prova di riscaldamento per testare il livello di consistenza del collettivo in seguito alle forzate varianti, un antipasto per quello che sarebbe poi diventato il loro attesissimo secondo disco, “Efil4Zaggin”. Il cambio di registro è evidente, soprattutto sotto l’aspetto puramente produttivo, nel quale Dr. Dre abbandona completamente i riferimenti canonici dell’Hip-Hop degli anni ottanta e trasporta nella nuova decade una manciata di beat concepiti col massimo rumore possibile, rendendo il risultato finale non solo trascinante, ma al contempo curato in ogni più piccolo dettaglio.

La traccia che dà il titolo al lavoro, “100 Miles And Runnin'”, ha la stessa potenza di un treno in corsa privo di conduttore, vive di improvvise interruzioni che strutturano il brano come fosse un cortometraggio e regala lo stesso senso d’azione proposto da un testo che racconta di fughe dalla Polizia attraverso le strade di Compton. La stessa sensazione di caos è possibile viverla in “Sa Prize (Part 2)”, che altro non si rivela essere che la seconda parte di “Fuck Tha Police”, introdotta da una finta intercettazione messa in scena in maniera cinematografica grazie anche alla collaborazione di D.O.C., la cui voce se n’è purtroppo già andata, e quindi sparata a mille riprendendo il campione principale e la batteria dell’originale, con rime completamente riscritte. Che questa breve uscita fosse un succoso antipasto del primo, vero album senza Cube lo si capisce dal fatto che “Real Niggaz”, attacco trasversale diretto esattamente all’ex amico, traditore alla pari del generale Benedict Arnold, sarebbe poi stata riproposta in identica versione su “Niggaz 4 Life”, e che la conclusiva “Kamurshol” sarebbe poi stata riciclata a livello di beat per l’introduzione del medesimo album.

Discorso differente invece per “Just Don’t Bite It”, traccia esplicitamente pornografica che avrebbe poi fatto da battistrada per la sua naturale continuazione, “She Swallowed It”, ambedue dimostrazioni di come si possano addolcire i ritmi senza perdere un grammo di incisività, puntando molto sull’estrema precisione dello scratch, qui utilizzato come elemento puramente musicale. Riguardo al Rap, già da questo piccolo album era chiara una cosa: tolto Ice Cube dall’equazione, MC Ren era chiaramente divenuto l’elemento di maggior talento del gruppo, proprio come fanno intuire i larghi spazi a lui concessi anche da solista da qui in poi. Dr. Dre, invece, era ancora nella fase di delivery aggressiva e stava progredendo un po’ per volta, mentre Eazy-E è addirittura in forma smagliante nella titletrack, dove rappa con energia mantenendo il tipico e crudo cinismo che l’ha sempre contraddistinto.

Per quanto assaggino fosse, “100 Miles And Runnin'” fu all’epoca una dimostrazione incredibile di cosa si potesse riuscire a ottenere mettendo assieme decine e decine di campioni provenienti dal Funk, plasmandoli in un’unica entità; un modo di costruire sonorità andato perso col tempo e con l’imporsi delle limitazioni sui campionamenti. All’epoca aveva senso averlo pur spendendo qualcosina in più del dovuto, giusto perché la frenesia di sentire qualcosa di nuovo dagli N.W.A. portava inevitabilmente ad accaparrarsi di tutto e di più (mica c’era internet); oggi lo si trova comodamente come appendice alla riedizione di “Niggaz 4 Life”, una combo 2 x 1 difficilmente rinunciabile per chi voglia risentirlo senza essere obbligato ad acquistare un CD di sole cinque tracce, seppure prodotte in maniera così eccelsa.

Tracklist

N.W.A. – 100 Miles And Runnin’ (Priority Records/Ruthless Records 1990)

  1. 100 Miles And Runnin’
  2. Just Don’t Bite It
  3. Sa Prize (Part 2)
  4. Real Niggaz
  5. Kamurshol

Beatz

All tracks produced by Dr. Dre and Dj Yella

The following two tabs change content below.