Mr. Lif – I Heard It Today

Voto: 3,5/4 –

“I Heard It Today” è uno di quei dischi che non ho potuto recensire a breve distanza dalla sua uscita (aprile duemilanove); e il motivo è semplice: se, inizialmente, mi ha spiazzato, lasciandomi francamente un po’ deluso, di ascolto in ascolto l’ho apprezzato maggiormente, trovandone una chiave di lettura risolutiva solo dopo qualche mese di continui tentennamenti. La prima impressione (quella della scorsa primavera) incontrava una netta discordanza tra l’aspetto lirico, sul quale Mr. Lif per me è sempre stato sinonimo di garanzia, e quello musicale, non altrettanto brillante; lo ammetto, in buona parte si trattava di un pregiudizio. Il passaggio dalla Def Jux all’autoproduzione per il debutto della BloodBot Tactical Enterprises, l’assenza di El-P, Fakts One e Insight, Vinnie Paz al microfono invece che Akrobatik e Aesop Rock: mischiate tutto e il dubbio comincerà a insinuarsi prepotentemente.

“I Heard It Today” è invece un prodotto robusto e, soprattutto, coerente, pur se non del tutto all’altezza di “I Phantom” e “Mo’ Mega”. La mezza rivoluzione, come dicevo, riguarda la scelta dei beatmaker e il taglio musicale che ne segue, in un certo senso Mr. Lif si è spogliato della componente più astratta propria della Def Jux e ha invece puntato tutto sui richiami all’Hip-Hop dei primi anni ’90, con qualche spruzzatina di Funk che ovviamente non risulta mai sgradita (“Gun Fight”). Nella lista dei crediti ritroviamo Edan (assente, nelle pubblicazioni di Lif, solo in “Enters The Colossus”) e le sue feroci selezioni di batterie, Paten Locke (aka Dj Therapy) e Willie Evans Jr. degli Asamov (oggi The Alias Brothers), tra i due mi è piaciuto più il primo (vedi l’ottima “Head High”), Headnodic (Crown City Rockers) in una prova non esaltante e J-Zone, bravo come quasi sempre; seguono lo stesso Mr. Lif, che su “Hatred” se la cava meglio che in precedenza, e i meno conosciuti Batsauce (buoni tutti e quattro i suoi interventi, in particolare “Breathe”) e Ray Fernandes.

Mediamente, insomma, siamo sul sufficiente o qualcosa in più, a far salire di un mezzo punto abbondante il giudizio non può che essere allora il Rap, il quale ci riconsegna un Mr. Lif in forma smagliante. “I Heard It Today” è strutturato come un diario (un blog, per intenderci) che prende spunto dall’attualità; non a caso la titletrack, “The Sun”, “Welcome To The World” e “Obama” (quest’ultima non inserita nel disco) erano già apparse, a cadenze piuttosto ravvicinate, sul myspace dell’mc. Gli episodi, alla fine, sono diventati quattordici (comprensivi di tre skit), per un totale di trentanove minuti nei quali Lif si destreggia abilmente tra riflessioni parecchio disilluse sulla politica americana e globale, l’economia e diverse problematiche prettamente sociali; ogni argomento viene affrontato con criterio e sensatezza, in più, se ciò non bastasse, la scrittura premia al tempo stesso le ampie capacità tecniche di Jeffrey (così quelli più rappusi non potranno dire eh, sì, però lo stile?!).

Tirando le somme, abbiamo una prestazione eccellente per un disco che, tuttavia, ha bisogno di numerosi ascolti, anzitutto perché i testi meritano una certa attenzione, poi per il deciso (ma non brusco) cambio di sonorità; alla fine è probabile che anche i def ju(n)kie più incalliti apprezzeranno.

Tracklist

Mr. Lif – I Heard It Today (BloodBot Tactical Enterprises 2009)

  1. Welcome To The World
  2. What About Us?
  3. Breathe [Feat. Bahamadia]
  4. Collapse The Walls
  5. Folklore [Feat. Dumbtron and Vinnie Paz]
  6. Police Brutality (Scene)
  7. Gun Fight [Feat. Metro]
  8. PNN 1
  9. Hatred
  10. Homecoming (Scene)
  11. Head High
  12. I Heard It Today
  13. The Sun
  14. Dawn

Beatz

  • Batsauce: 1, 2, 3, 5
  • Edan with the co-production by Cut Chemist: 4
  • Ray Fernandes with the co-production by Decaye: 6
  • J-Zone: 7
  • Paten Locke with the co-production by Nik Jhatakia: 8
  • Mr. Lif: 9, 10
  • Paten Locke: 11
  • Willie Evans Jr.: 12, 14
  • Headnodic: 13