Lucci, Ford78 e Hube – Unabomber

Quelli che stiamo vivendo sono tempi strani e per certi versi inquietanti, con tanto, troppo usa & getta e pochissima sostanza, pressoché in tutti gli ambiti – musica ovviamente compresa. Per restare ancorati alla realtà, occorre pertanto trovare dei riferimenti veri e stabili; in ambito Rap italiano, il tridente composto da Lucci e Hube alle rime, più Ford78 alle macchine, ossia il 100% degli Unabombers e il 50% dei Brokenspeakers, pare davvero fare al caso nostro.

“Unabomber” è un EP con pochi ma semplici – e nutrienti – ingredienti, un lavoro che punta tutto su schiettezza e impatto comunicativo, con produzioni volutamente ancorate alla tradizione. Il ricettario è dunque piuttosto scarno e prevede come primo elemento un background fatto rigorosamente di strada e periferia, più che un habitat una sorta di vero e proprio “Bunker” (<<obbedisci, prega, annega in questa merda senza un futuro/scrivo non è vero sopra al tuo muro/…/viaggio in alta marea, senza nessuno/nello spazio, odissea 2001/sottosuolo, su un vagone pacchi di tritolo/sopra al bus contro il celerino e maschere anti gas/…/da queste parti non esistono rioni/in mezzo ai palazzoni ho fatto nocche dure su questi gradoni>> – Hube; e <<adesso che per fare brutto basta avere amici brutti/pure se sei un po’ coglione, preso a schiaffi un po’ da tutti/…/quando tutto casca risorse infinite nella tasca/la merda fino al collo, tranquillo, faccio un’altra vasca/…/antifascista e popolare, curva del St. Pauli>> – Lucci).

Il secondo ingrediente, dosato senza mezze misure in “U.n.a.b.o.m.b.e.r.”, non può che essere la passione per l’Hip-Hop (<<solo il Rap nelle casse/aspettative basse/…/ancora in fissa per il Rap, il boom bap e i throw up/…/in classifica sai non ce sto/ma ‘sti cazzi, questa roba è potente/il microfono martello di Thor, dopo che rappo se lo tocchi è rovente>> – Hube; e <<questa merda ancora puzza d’asfalto/se vede un muro bianco poi lo spacca di tag/mi sono dato un nome per portarlo più in alto ed essere diverso, diverso da te>> – Lucci), strumento attraverso il quale esprimersi mettendoci faccia e attributi, come in “Coin up” (<<vieni in zona mia/soltanto odio per lo Stato e per la Polizia/…/fanculo a nazi, fasci, preti e Salvini/corvi intorno ai piedi, appesi a testa in giù come Mussolini/io giro sulle strade, mica in FIMI/il mio nome è sul tuo cornicione, inciso su ‘sti sanpietrini>> – Hube; e <<soldato senza bandiera né confini e Stato/pronto a difende ogni centimetro che ho conquistato/armato delle parole che ho imparato/dai libri sopra ai banchi e dalle strade dove ho camminato>> – Lucci).

Il terzo, fondamentale elemento, è la coerenza, talmente rara al giorno d’oggi che quando ci s’imbatte in portatori sani pare di essere di fronte a dei veri e propri “Survivors” (<<ancora sotto i palazzoni con i segni addosso/ancora il mondo spinge forte, io non mi sposto/…/ancora e sempre dalla parte di chi c’ha di meno/che i soldi me li sbatto al cazzo se non sto sereno>> – Hube; e <<ho spinto forte, ho spinto tanto/ho spinto così forte che il sudore si è mischiato con il pianto/toccato il fondo per andare in alto/e c’è toccato questo mondo e non ce ne sta un altro/nessun rimpianto, no, nessun rimpianto/e porteremo addosso i nostri errori e le sconfitte come un vanto/intanto resto in piedi e canto/e punto tutto su me stesso, mica aspetto che lo faccia qualcun altro/metto i soldi sopra al piatto/perché il giorno che mi fermo è il giorno che avrò il cardiogramma piatto/…/col sangue sull’asfalto c’ho dipinto il mio ritratto/urlando a squarciagola la mia storia nell’impianto>> – Lucci).

Come contorno, lo Stato in cui viviamo/sopravviviamo, un paese pieno di misteri e intriso di violenza, da raccontare/combattere rigorosamente in “Prima linea”, estratto video dal ritornello perfetto (<<non spegni il sole se gli spari addosso/vivo la vita in prima linea ad ogni costo>>), che si apre con Hube a ricordare le tante stragi di Stato e detona poi con Lucci al micro (<<siamo un Paese senza più memoria, senza più vergogna/consente la parola a merde nere e infami uscite da una fogna/difendo la mia storia, la vostra è solo menzogna/…/in questo posto chi non c’ha niente odia chi ha di meno/in questo posto, dove la gente ti odia se sei nero/in questo posto, qua non c’è posto per quelli come noi/che spargono l’amore al posto del veleno/e noi combatteremo finché avremo il fiato/con i rimpianti ma nessun rimorso in ogni caso/in ogni caso dentro al cuore chi se n’è già andato/col pugno alzato per Valerio, Carlo, Dax, Federico e per Renato>>).

Nei suoi diciotto minuti di durata, “Unabomber” è quindi un progetto dall’importante peso specifico, che non vuol stupire con chissà quali novità e/o effetti speciali: il suo unico fine è quello di arrivare frontale e diretto, puntando tutto sul sociale – a discapito del social – e sulla resistenza in luogo della resilienza. A prescindere da convinzioni e gusti personali, il solo fatto di schierarsi è, per quanto mi riguarda, sempre e comunque cosa buona e giusta.

Tracklist

Lucci, Ford78 e Hube – Unabomber (La Grande Onda 2019)

  1. Bunker
  2. Prima linea
  3. U.n.a.b.o.m.b.e.r.
  4. Coin up
  5. Survivors
  6. Skyline

Beatz

Tutte le produzioni di Ford78

The following two tabs change content below.
Avatar

Gabriele Bacchilega

Avatar

Ultimi post di Gabriele Bacchilega (vedi tutti)

Related posts

ClaverGoldRequiem.jpg
AxosMitridate.jpg
SferaEbbastaCharlieCharlesXDVR.jpg