Ice Cube – Death Certificate

Voto: 5

Niggaz are in a state of emergency: questa frase altro non è che l’apertura del secondo lavoro di Ice Cube, arrivato più o meno un anno dopo l’esordio solista di “Amerikkka’z Most Wanted” che nel 1990 si era schiantato come un meteorite sul panorama dell’Hip-Hop americano, attirando a sé critiche, nemici e censure di tutti i tipi. Da questa strada non si discosta “Death Certificate”, in cui il cronista della vita di strada losangelina non si tira indietro di fronte a nulla, ancora una volta non accetta i mezzi termini e ci va giù pesante spiegando ancor più a chiare parole le sue posizioni.

Il disco si divide volutamente in due parti, la death side, che illustra i mali che affliggono la comunità nera, e la life side, una visione personale dell’artista che prova a dare soluzioni per uscire dagli stereotipi, dalla povertà e dai tentativi di ghettizzare il popolo di colore americano. I temi toccati sono diversi e sono riportati in pieno stile Ice Cube, ovvero sputati lì per terra nudi e crudi, affinché tutti possano vederli: attacchi trasversali al Governo, alla sanità, razzismo e sessismo a volontà contro coreani, gay e donne bianche (“Black Korea”, “Horny Lil’ Devil”) sono il corpo principale del progetto, che lascia spazio anche a racconti di vita passata e introspettivi (“Doin’ Dumb Shit”, “Us”), di vita del ghetto (“Color Blind”), a momenti di pura attitudine (“The Wrong Nigga To Fuck Wit”), per finire con l’incendiaria “No Vaseline”, la diss song più spietata di sempre, scritta in risposta agli ex-compagni N.W.A., che sputa veleno e fiamme allo stato puro in direzione degli ex compagni di avventure.

Musicalmente, i beat sono molto originali (era pur sempre il ’91) e le strutture principali si snodano sul P-Funk di George Clinton e dei Parliament tanto cari a Cube, rendendo perfettamente riconoscibili i campionamenti di “Atomic Dog” degli stessi e di “Outstanding” della Gap Band. I messaggi non lasciano spazio ad alcuna interpretazione, sono chiari, forti e reazionari: nessuna pietà per la famigliola asiatica che arriva nel quartiere e guarda a vista i fratelli nel proprio negozio, per le donne caucasiche che si vendono pur di conquistare un fratello perché va di moda così, per chi se ne frega (la Politica) della situazione della gente nera in America e vive bene lo stesso a suo discapito.

<<Forget about a dog fool, he’ll shit in the den/nowadays…a gat is man’s best friend>> rima Cube sopra la base P-funk di “Man’s Best Friend”, dove un’arma sempre a portata di mano sostituisce Fido quale miglior amica dell’uomo, mentre “Alive On Arrival” offre un’atmosfera cupa, nella quale la tensione aumenta man mano che si allunga il beep messo lì appositamente a chiudere la death side; “True To The Game”, uno dei classici sempreverdi del rapper, si scaglia contro chi fa Hip-Hop preconfezionato per MTV, lo stesso che si fa prendere dalla smania delle vendite, lo stesso che nei video veste i panni luccicanti del rapper sorridente che ti fa muovere il culo mentre tu muovi solo il suo conto in banca.

“Death Certificate” è stato e rimane un disco pieno di verità, ovviamente raccontate da un punto di vista a volte inevitabilmente estremo e, seppur molto violento e a tratti opinabile nelle idee esposte, testimonia in ogni caso la presa di coscienza di un artista che ha rappresentato al meglio l’epoca del Rap da combattimento. Un album come questo non può che far parte della Hall Of Fame del Rap targato west coast.

Tracklist

Ice Cube – Death Certificate (Priority Records 1991)

  1. The Funeral
  2. The Wrong Nigga To Fuck Wit
  3. My Summer Vacation
  4. Steady Mobbin’
  5. Robin Lench
  6. Givin’ Up The Nappy Dug Out
  7. Look Who’s Burnin’
  8. A Bird In The Hand
  9. Man’s Best Friend
  10. Alive On Arrival
  11. Death
  12. The Birth
  13. I Wanna Kill Sam
  14. Horny Lil’ Devil
  15. Black Korea
  16. True To The Game
  17. Color Blind [Feat. Threat, J Dee, Kam, King Tee and The Maad Circle]
  18. Doing Dumb Shit
  19. Us
  20. No Vaseline

Beatz

  • Sir Jinx: 1
  • Ice Cube and Sir Jinx: 2, 7, 12, 13, 15, 16, 19, 20
  • The Boogie Men and Ice Cube: 3, 4, 6, 8, 9, 10, 14, 17, 18
  • The Boogie Men and Sir Jinx: 5
The following two tabs change content below.

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
IllBillSeptagram.jpg