Fuoco Negli Occhi – Full immersion the street album

Non lasciatevi trarre in inganno dal sottotitolo the street album, “Full immersion” è a tutti gli effetti il secondo disco dei Fuoco Negli Occhi, formazione dal respiro internazionale arrivata al debutto nel duemilasei con “Graffi sul vetro”. Brain, Chiodo, Prosa e Micha (questi ultimi fratello e sorella) tornano in studio di registrazione con le idee decisamente chiare, i pochi punti deboli fatti notare all’esordio sembrano quasi spariti nel nulla e le sinergie artistiche e umane che legano i quattro emergono nitidamente nei passaggi da un microfono all’altro.

L’unica stonatura di “Full immersion” è data dalla presenza di troppi featuring, alcuni dei quali completamente fuori fuoco: è il caso di Liv Lraynge, che al fianco di Grand Agent aveva mostrato ben altre qualità, poi Ciro, Seca Sek e Fadamat; per nostra fortuna, però, in scaletta spuntano anche i nomi di Paura (sua anche la grafica), Lugi, Les Autres e Alessio Beltrami, che rispondono all’appello nel migliore dei modi. I beat sono per buona parte di ottima fattura, i produttori coinvolti sono tanti (addirittura quindici!) ma l’insieme riesce a essere sufficientemente omogeneo, a spiccare sono gli interventi di Rubo (sempre molto elegante nel taglio del sample), The Name, MareMarco (che firma tre tracce), Soulplayer da Bruxelles, Gopher, Michel (mi piacerebbe sentirlo più spesso) e Dj Shada.

L’anima street del titolo emerge in particolare nelle liriche e nei contenuti, gli ingressi di Prosa e Micha (in francese il primo, in inglese la seconda) si alternano al Rap aggressivo e molto tecnico di Brain e Chiodo, le cui strofe non cadono mai nelle autocaricature dell’Hip-Hop che vaneggia sui soliti cliché. Al contrario, i FNO dosano con moderazione invettive e riflessioni, i passaggi più interessanti li trovate nell’apertura fulminante di “Point break”, nei toni marcati di “Lacrime di fango”, “Pura sostanza”, “Altamente infiammabile” ed “Epoca di plastica”, come in quelli più evocativi di “L’inverno”, “Arma bianca” e “Vorrei volere”. Mi sembra dunque chiaro che il fuoco di questi quattro ragazzi abbia ancora tanto ossigeno da bruciare.

Tracklist

Fuoco Negli Occhi – Full immersion the street album (Relief Records 2008)

  1. Point break
  2. Graffi sul vetro reload [Feat. Paura]
  3. Lacrime di fango [Feat. Il Turco]
  4. Showgun [Feat. Specta]
  5. Pura sostanza [Feat. Shezan Il Ragio]
  6. Unable to love [Feat. Liv Lraynge]
  7. Altamente infiammabile
  8. L’impronta [Feat. Dj Lugi]
  9. Epoca di plastica
  10. L’inverno [Feat. Les Autres]
  11. Arma bianca
  12. Massime di Ciro (skit)
  13. Sud soldiers [Feat. Ciro]
  14. Calma apparente [Feat. Gianni Kg]/Seca cosmonauta (ghost track) (Seca Sek)
  15. Lo stile del quartiere [Feat. Metrostars e Fadamat]
  16. Il kaos che ci accompagna [Feat. Masmystro]/Cosmos pt. 2 (ghost track) [Feat. Musteeno, Voltus, Deka e Fraia]
  17. Vorrei volere
  18. Via d’uscita [Feat. Alessio Beltrami]
  19. Fuori controllo (bonus track from Toxiclabot)

Beatz

  • Specta: 1
  • Dj Shocca: 2
  • Deka Socket: 3
  • Shablo: 4, 6
  • Rubo: 5
  • The Name: 7
  • MareMarco: 8, 9, 11
  • Soulplayer: 10
  • Menager: 13
  • Gopher: 14
  • Michel: 15
  • Michelin: 16
  • Dj Shada: 17
  • Rako Alma: 18
  • Heelka: 19

Scratch

  • Dj Doctrashz: 1
  • Dj Droga: 14