EliaPhoks e St. Luca Spenish – Ragazzi per sempre

Dopo qualche annetto low profile – ultimo lavoro solista “Buonanotte Phizzy boy” del 2014 – riecco EliaPhoks con “Ragazzi per sempre”, titolo mash up dei due lungometraggi del regista Marco Risi “Mery per sempre” (1989) e “Ragazzi fuori” (1990), i cui dialoghi fanno da fil rouge lungo la tracklist, nonché perfetta sintesi dei due asset principali di questo disco, ossia il Rap e Palermo.

Il capoluogo siciliano, dunque, come costante scenografica dell’intero lavoro, una città tanto bella e simbolica quanto difficile e priva di mezze misure, una vera e propria scuola di vita (<<la mia città mi dà vita, provoca qualche ferita/scrive tutti i miei testi e poi si autocita/parti pure, compi, tornerai a nuoto/Palermo te la vivi o ti vive lei a suo modo>>“Ragazzi fuori”) che non si dimentica neppure quando si è lontani migliaia di chilometri (<<non sarò mai figlio di ‘sta terra/ho il mare dentro gli occhi/ma nella mia isola bella non cresce più l’erba/apro di nuovo e prendo scopa e secchio/una vita fuori posto come i bangla a Borgo Vecchio>>“Antonio”).

Se la città di Palermo è lo sfondo coloratissimo di “Ragazzi per sempre”, come detto, il Rap ne è la sceneggiatura, un copione rigorosamente real che parte da una sorta di invocazione 2.0 (<<proteggi papà e mamma, mio fratello, il mio sangue/chi chiama tutti fratello tienimelo distante/non farmi fare il simpatico/che più mi faccio amici più è facile che mi lamino/proteggi il mio producer, dagli un disco di platino/e sempre rapper del mio calibro>>“Santuzza Blues”) e si sviluppa nel corso degli anni seguendo un percorso coerente e orientato esclusivamente alla sostanza (<<io non faccio l’influencer, faccio il rapper/me ne fotto dell’engagement, le stats, le marchette/dapprima i graffiti sulle cassette/poi le foto delle tipe con il nome della crew sulle tette>>“Champagne palermitano”) e alla coerenza (<<outfit da Pablo, iceberg nella cintura/sì, lo faccio per la figa ma in primis per la Cultura/lo faccio per il quartiere, per gli amici, per le iene/per chi andava in para per le sirene e adesso è carabiniere>>“Natale”).

Un approccio chiaro e trasparente come l’“Acqua” (<<bomber tutto nero con i nomi dei miei amici/’sti rapper sono fashion blogger, tutte attrici/…/forever young, mutaforma con la stessa pelle/la mia crew performa come se esistesse ancora Aelle>>), da contrapporre con fermezza al contesto attuale, superficiale (<<sui social tutti al top/cinquanta k followers, poi fanno un disco flop/…/il tuo producer fa i beat con i preset/il mio è storia dell’arte, “The Artist Is Present”/…/mai schifato il mainstream, mai schifato i tubetti/mai schifato i banger, mai schifato i concetti>> – “Centomila lire”) e guidato da click e visualizzazioni (<<resto umile, la tuta e tutti i cliché del Rap/non faccio l’impegnato, sono già troppo impegnato/ci riprendo e mi riprendo tutto l’oro che ho impegnato/entriamo al Guggenheim, fanno la foto a noi/tira più un amatoriale che un carro di buoi>>“Vicolo Butera”).

Da segnalare l’ottimo lavoro alle macchine di St. Luca Spenish – per l’occasione anche nelle vesti di editore con la neonata etichetta La Victoria Boys, con orientamento e tutorato fornito dalla MxRxGxA di Gioielli e soci – grazie a sonorità che si spostano con agilità e senso della misura da atmosfere orecchiabili, rotonde e da palco (con i ritornelli di “Natale” e “Centomila lire” già pronti al pogo) a momenti cupi e dilatati, riuscendo a valorizzare in pieno storie, contrasti e contraddizioni messi in rima da EliaPhoks.

“Ragazzi per sempre” è un lavoro riuscito in toto, un disco che non gioca la mano con prevedibilità e non mira a stupire con effetti speciali; molto semplicemente – si fa per dire – gira bene dalla prima all’undicesima traccia e ciò tanto grazie al valore dei singoli quanto, forse soprattutto, al gioco di squadra tra Spenish in cabina di regia ed Elia ispirato e motivato finalizzatore, rigorosamente in camiseta rosanero (<<io suono ancora nelle piazze come la campana/leggenda palermitana, Mario Santana>>).

Tracklist

EliaPhoks e St. Luca Spenish – Ragazzi per sempre (Make Rap Great Again/La Victoria Boys 2021)

  1. Santuzza Blues
  2. Champagne palermitano [Feat. Daweed]
  3. Natale
  4. Ragazzi fuori
  5. Acqua [Feat. Gionni Gioielli]
  6. Carmelo
  7. King Kong [Feat. Miss Fritty e Toni Zeno]
  8. Vicolo Butera
  9. Centomila lire
  10. Antonio
  11. Claudio e Vita

Beatz

Tutte le produzioni di St. Luca Spenish

Scratch

  • Dj Bolla: 5
The following two tabs change content below.

Gabriele Bacchilega

Ultimi post di Gabriele Bacchilega (vedi tutti)