De La Soul – Art Official Intelligence: Mosaic Thump

Voto: 3,5

Quello dei De La Soul è sempre stato un gruppo un po’ atipico, capace di adottare uno stile molto personale sia nella scelta dei suoni che nell’affiatamento al microfono. Fin dalla loro comparsa, il trio ha incontrato pareri parecchio discordanti (pur al netto di un generico riconoscimento delle loro opere più importanti) e ancora con “Art Official Intelligence: Mosaic Thump” si nota subito il cambio di passo e la ricerca di suoni innovativi che da sempre caratterizza ogni nuova uscita che ha per protagonisti Pos, Trugoy e Maseo, senza tuttavia incappare in fattori che con l’Hip-Hop c’entrano poco o nulla (ogni riferimento alle mode e tendenze passeggere è da ritenersi voluto).

Ad annunciare AOI è stata “Oooh.” e la scelta si è rivelata davvero azzeccata: gran bel singolo, con un beat che viene facile memorizzare fin dalle prime battute e l’aggiunta di un Redman in formissima al microfono. Ad ogni modo, il brano che più preferisco di “Mosaic Thump” è “Thru Ya City”: Jay Dee tira fuori una chicca pazzesca, di quelle che piacciono a me, due suoni e ciao ma curati e potenti. Si confermano sulla cresta dell’onda gli alcoolizzati Tash e J-Ro accompagnati da Xzibit in “My Writes”, mentre a chi intriga la roba Flipmode consiglio di ascoltare “I.C. Y’All”, prodotta da Rockwilder e col featuring di Busta Rhymes, anche se a me il genere non appassiona granché – negli ultimi anni Busta non ha proposto niente di nuovo e si è un po’ fossilizzato su dei cliché che ripete fino alla nausea. A muovere i culetti, meglio se quelli delle signorine, ci pensa allora “All Good?” con una splendida Chaka Khan e una bella chitarrina in sottofondo.

Le doti liriche dei De La si fanno poi notare in “Declaration”, che per di più gode di un ritornello molto accattivante: vengono infatti prese in prestito barre di Roots, Prodigy ed EPMD, un bell’omaggio che avvia l’album alla seconda metà dei quasi settanta minuti di durata. Le sorprese però non finiscono ed ecco Ad Rock e Mike D dei Beastie Boys in “Squat!”, traccia che sembra tagliata su misura per il loro flow spigoloso e aggressivo – sarà quello di sempre, ma ha sempre il suo fascino. Insomma, l’impressione è che i De La Soul abbiano messo a loro agio tutti gli ospiti presenti e glie ne riconosciamo senza dubbio il merito; è questo, tuttavia, anche il limite principale di “Mosaic Thump”, che pende troppo in favore delle collaborazioni e perciò manca della necessaria costanza se si considera nell’insieme (tanto più che gli episodi solisti sono i meno interessanti del pacchetto).

Abbiamo comunque a che fare con un’uscita da ascoltare e valutare con la dovuta calma, ma il divario con dei capolavori quali “3 Feet High And Rising” e “De La Soul Is Dead” è fin troppo visibile.

Tracklist

De La Soul – Art Official Intelligence: Mosaic Thump (Tommy Boy Music 2000)

  1. Spitkicker.com/Say R.
  2. U Can Do (Life)
  3. My Writes [Feat. Tash, J-Ro and Xzibit]
  4. Oooh. [Feat. Redman]
  5. Thru Ya City [Feat. D.V. Alias Khrist]
  6. I.C. Y’All [Feat. Busta Rhymes]
  7. View
  8. Set The Mood [Feat. Indeed]
  9. All Good? [Feat. Chaka Khan]
  10. Declaration
  11. Squat! [Feat. Mike D and Ad Rock]
  12. Words From The Chief Rocker [Feat. Busy Bee]
  13. With Me
  14. Copa (Cabanga)
  15. Foolin’
  16. The Art Of Getting Jumped
  17. U Don’t Wanna B.D.S. [Feat. Freddie Foxxx]
  18. Bonus Track At www.tommyboy.com/aoi

Beatz

  • Supa Dav West: 2, 14
  • Ad Lib with the co-production by De La Soul: 3
  • De La Soul: 4, 7, 9, 10, 11, 12, 13, 16, 17
  • Jay Dee: 5
  • Rockwilder: 6
  • Mr. Khaliyl: 8
  • De La Soul and Deaf 2 U: 15
The following two tabs change content below.
Moro

Moro

Moro

Ultimi post di Moro (vedi tutti)

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
IllBillSeptagram.jpg