Comptons Most Wanted – Straight Checkn ‘Em

Voto: 5

CMW91500I Comptons Most Wanted, recentemente riformatisi dopo anni di dischi solisti da parte di Mc Eiht, sono stati una delle più belle realtà dell’area di Los Angeles pur rimanendo sempre avvolti nell’ombra di NWA, Ice-T, Ice Cube e chi più ne ha più ne metta. Capaci di un sound oscuro ma terribilmente catchy, questo gruppo proveniente dal sottobosco di Compton aveva ben impressionato con un esordio positivo come “It’s A Compton Thang”, proseguendo con quello rivelatosi poi il miglior disco dell’intera carriera dello stesso Eiht, ovvero “Straight Checkn ‘Em”.

Bella l’idea di mettere un collage mixato con le canzoni del primo album come introduzione al nuovo lavoro su un sottofondo molto cupo e minaccioso, sempre molto scorrevoli sia i beats confezionati dal duo Dj Slip/Dj Unknown come anche le linee di Mc Eiht, che nonostante i crediti in quest’album si era sobbarcato da solo tutto il lavoro della parte rappata ritrovandosi dunque orfano di quel Chill Mc con cui divideva le liriche agli esordi. I contenuti sono tipici della scena West Coast: ci sono posti di blocco con conseguenti controlli scaturiti dal semplice colore della propria pelle, ci sono storie violente di tutti i giorni, morti precoci, sparatorie e quant’altro serva a dipingere un quadro molto diretto ed esplicito del vicinato dove queste cose avvengono puntualmente, prima di essere trasformate in musica campionata e rime da chi se le è viste passare da vicino. Il grande pregio di questo disco è individuabile nel mantenimento della giusta tensione, mai un calo, mai un’esclamazione di troppo, mai una rabbia troppo acuta o al di fuori delle righe, sempre una pacatezza composta ed aggressiva al punto giusto ottenibile solo con un flow disteso e profondo come quello di Eiht.

La continuità del disco è un qualcosa di davvero tangibile e mai, anche dopo i tanti ascolti, viene voglia di mandare avanti una traccia. Tutti i suoni sono ben congegnati e si distanziano per originalità da quanto sentito in precedenza da artisti vicini ai CMW’s, con un pacchetto di canzoni comprendente “Growin’ Up In The Hood”, scritta appositamente per la colonna sonora di “Boyz In The Hood” e grazie al cui video Eiht si è guadagnato un po’ di meritata esposizione mediatica, “Raised In Compton”, secondo e poco speranzoso singolo nel quale il rapper sottolinea la condanna di nascere in un posto violento per natura e che ti lascia solamente un destino da criminale, “Driveby Miss Daisy”, con un piano-killer a sostenere una base tesa contraddistinta da un piatto campionato, “Def Wish”, l’immancabile vendetta trasversale di Eiht nei confronti dell’acerrimo nemico Dj Quik, e “They Still Gafflin”, ideale continuazione di quella “One Time Gaffled ‘Em Up” che apriva il disco d’esordio di questo interessante gruppo della costa ovest.

Tutti i suoni contenuti nell’opera sono compatti e ciccioni allo stesso tempo ed ottimali sono le atmosfere create dal team di produzione, un contraltare perfetto per le immaginifiche storie di gangsters partorite dalla geniale mente di Mc Eiht. Un disco del genere non si può non avere nella propria collezione, a maggior ragione se la West Coast è la vostra meta preferita, se non altro perché rappresenta al meglio il punto più alto di una carriera rispettabilissima di uno dei pionieri del sound made in Compton, il cui geeyah alla fine di parecchi versi è diventato uno dei marchi di fabbrica dell’Hip-Hop della vecchia scuola.

Tracklist

Comptons Most Wanted – Straight Checkn ‘Em (Sony Music Entertainment 1991)

  1. Intro
  2. They Still Gafflin’
  3. Growin’ Up In The Hood
  4. Wanted
  5. Straight Checkn ‘Em
  6. I Don’t Dance
  7. Raised In Compton
  8. Driveby Miss Daisy
  9. Def Wish
  10. Compton’s Lynchin’
  11. Mike T’s Funky Scratch
  12. Can I Kll It?
  13. Gangsta Shot Out

Beatz

All tracks produced by Dj Slip and Dj Unknown

Scratch

All scratches by Dj Mike T

The following two tabs change content below.

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
IllBillSeptagram.jpg