Bassi Maestro – Classe 73

Bassi Maestro: sei album all’attivo, un’infinità di progetti collaterali, una piccola etichetta messa su coi propri amici, una bella lista di mixtape alle spalle, le serate The Show Off al Chiringuito (Milano), un’inaspettata partecipazione in veste di dj a Sanremo e…che ne so, metteteci voi quello che più vi pare, tanto di spazio sul CV ce ne sarebbe ancora. Definirlo uno degli ultimi baluardi dell’Hip-Hop italiano mi sembra il minimo; anzi, forse nel 2003 Bassi è l’unico a poter vantare una certa costanza che l’ha portato a rimanere per tutto questo tempo, fin dal 1996 (anno di “Contro gli estimatori”), a strettissimo contatto con la scena Hip-Hop tutta.

Premessa un po’ lunga, è vero, ma più che doverosa. Bassi non cambia formula, è lo stesso che abbiamo imparato a conoscere nel corso del tempo e a trent’anni suonati ha ancora la forza (e il coraggio) di spingere la propria musica con una fede e una testardaggine più che rare nel panorama underground. “Classe 73” (sedici tracce per tre quarti d’ora abbondanti di sano Hip-Hop) è un disco curato in ogni particolare, dalla grafica (semplice ma efficace) all’ottima qualità audio. L’mc Bassi gode di buona salute, preciso come sempre negli incastri, piacevole e misurato nell’interpretazione dei testi e con una buona dose di ironia che non guasta mai; non era e non sarà mai un fenomeno della tecnica, tuttavia la partita se la gioca con dignità. Ma Bassi è anche incazzato (o forse è deluso) e la cosa si sente, c’è una strofa fin troppo chiara in “Glory and frustration” (a mio avviso la traccia migliore di “Classe 73”): <<com’è che è stato che nel nostro Stato non c’è stato un solo cristiano a droppare un classico?>>; altrettanto esplicite e sentite “Giorni matti”, “Giuda (the bad seed)” e la titletrack.

Non manca, comunque, il Maestro in versione cazzeggio (“1/2/3 pt. 2”), quello infottato fino al midollo (“Vinco io”) e l’animale da party (“Cosa succede?!” e “The show off”, che riprende “Sucker Mc’s” dei Run-DMC). Se la cavano bene anche gli ospiti presenti: Rido e Supa (CdB) a rappresentare la famiglia Sano Biz, Ape e Zampa in “Giorni matti”, Fk a rimare in francese. Più complicato il discorso sulla qualità delle strumentali, spesso il tallone d’Achille dell’Hip-Hop italiano: Shocca tira fuori due autentiche perle, la scelta dei campioni si adatta bene alla pregevole costruzione di basso e batterie andando un gradino oltre a tutti gli altri; Zeta e Bassi onorano bene il proprio nome (peccato solo per la produzione ridicola di “Cosa succede?!”); FT3 se la cava abbastanza bene, mentre Hakeem si divide tra la simpatica “1/2/3 pt. 2”, con il loop di qualche videogame degli anni ’80, e “The cognac sipper”, meno riuscita; non mi hanno convinto affatto, invece, Kup e Mace.

Mettendo tutto assieme ne viene fuori che “Classe 73” è sicuramente un buon disco: se l’Hip-Hop in Italia è ancora vivo, è merito soprattutto di gente come Bassi Maestro – e mi sembra già tanto. Consentitemi però una piccola considerazione finale. Nonostante quanto detto fino a ora, “Classe 73” non è il miglior album di Bassi e non è neanche ai livelli di quei dischi storici usciti nella seconda metà dei ’90, ma arriva in un momento talmente delicato per l’Hip-Hop italiano da riuscire a mostrare un’impressione di sé parzialmente migliore di quella che sarebbe la realtà. Ciò perché lo standard, purtroppo, è in deciso calo, sia a livello qualitativo che quantitativo. Qualche giorno fa mi è capitato un vecchio AL tra le mani, il numero 17 (maggio/giugno ’96), nello spazio dedicato alle recensioni c’erano: “Così com’è”, “Neffa e i messaggeri della dopa”, “Odio pieno”, “Contro gli estimatori”, “Sotto effetto stono”, “Tutti nella casa” (Casa degli animali – questi forse non tutti li ricordano); altri tempi, è vero, ma di quella magia, quell’entusiasmo, quella spontanea immaturità, quello strano brodo primordiale in cui convivevano una miriade di piccole realtà, rimane poco, pochissimo. Tocca darsi una svegliata…

Tracklist

Bassi Maestro – Classe 73 (Sano Business/VibraRecords 2003)

  1. Vinco io
  2. Tu lo sai
  3. Glory and frustration
  4. 1/2/3 pt. 2
  5. Goditi la vita [Feat. Rido]
  6. Giorni Matti [Feat. Ape e Zampa]
  7. Il segreto
  8. Smiling faces
  9. Cosa succede?! (skit)
  10. Cosa succede?! [Feat. Supa]
  11. The cognac sipper
  12. La vita è maledetta
  13. Giuda (the bad seed) [Feat. Fk]
  14. Classe 73
  15. The show off (skit)
  16. The show off (bonus track) [Feat. Rido]

Beatz

  • FT3: 1, 5
  • Kup: 2
  • Dj Shocca: 3, 14
  • Hakeem: 4, 11
  • Bassi Maestro: 6, 10, 13, 16
  • Dj Zeta: 7, 12
  • Mace: 8
  • Bassi Maestro e Supa: 9

Scratch

  • Bassi Maestro: 1, 13
  • Dj Shocca: 3
  • Hakeem: 11
  • Dj Zeta: 12