Arrested Development – Zingalamaduni

Voto: 3 +

zingalamaduniSembra che nel 1994 tutti avessero qualcosa da dire e mentre i Public Enemy facevano uscire per una volta un pezzo un po’ meno politico del solito (“Give It Up” per la Def Jam), gli Arrested Development non rinunciavano invece a realizzare un secondo album basato sul black pride. “Zingalamaduni” è una parola che in swahili indica un concentrato di culture e qui è chiaro che si parli di quelle africane miste a quelle statunitensi.

Baba O’ Je, speaker della fantomatica radio “WMFW (We Must Fight & Win)” ci elenca una dozzina di artisti a cui evidentemente gli AD vorrebbero tributare quest’album: Bob Marley, Miriam Makeba, Public Enemy, Curtis Mayfield, Living Colour e via dicendo. Se non conoscete gli Arrested Development e state cercando del Rap molto classico evitateli: qui il confine tra Rap, Pop e Reggae è molto sottile, diciamo che è quella che definisco musica da centro sociale, con tanto di slogan anni ’60/’70 (<<Power to the people!>>, <<Just a shell until you decide to rebel>>), le immancabili preghiere, la devozione alla Zulu Nation, il rispetto per mamma Africa ed altre tematiche che non si discostano però molto da queste. L’unica traccia dove vengono abbandonate questioni sociali e politiche per parlare un po’ più a livello personale è “Warm Sentiments”, dove sì, si parla di aborto, ma non in generale. Speech (o Headliner? Il testo risulta scritto da entrambi ma non ci è dato sapere chi dei due abbia vissuto l’esperienza) fa addirittura il nome della donna che, evidentemente senza chiedere pareri prima di agire, abortì suo (?) figlio. Il testo è molto forte, non fatelo ascoltare a chi ha abortito davvero perché potrebbe morire di sensi di colpa (<<Getting an abortion like I ain’t no damn good/like I can’t raise a child the way a Nubian man should/Cheated, abused, used, misused…>>).

Per il resto “Zingalamaduni” è molto easy, lo si ascolta tranquillamente, lo si canticchia per settimane ma purtroppo lo si accantona facilmente per un Rap più hardcore. Da non perdersi a mio avviso ci sono “Africa’s Inside Me” e “In The Sunshine”, due canzoni, appunto, molto solari ma che di Rap, per quanto Speech ce ne metta, conservano ben poco. Tuttavia mi sento di consigliare l’acquisto di questo cd, ammesso che si trovi, agli amanti di Angelique Kidjo e di tutti quei suoni black che sono ancora ben radicati in Africa.

Tracklist

Arrested Development – Zingalamaduni (Chrysalis 1994)

  1. WMFW (We Must Fight & Win) FM
  2. United Minds
  3. Ache’n For Acres
  4. United Front
  5. Africa’s Inside Me
  6. Pride
  7. Shell
  8. Mister Landlord
  9. Warm Sentiments
  10. The Drum
  11. In The Sunshine
  12. Kneelin’ At My Altar
  13. Fountain Of Youth
  14. Ease My Mind
  15. Praisin’ U

Beatz

All tracks produced by Speech

Scratch

All scratches by Dj Headliner

The following two tabs change content below.
Avatar

Blema

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
IllBillSeptagram.jpg