16 Barre – St. Hope

Sono oramai più di otto anni che John Princekin e Benni bazzicano il mondo dell’Hip-Hop; anzi, lo sfiorano, lo vivono, lo affrontano, lo ingoiano, lo vomitano e lo rimangiano per mischiarlo nelle loro pance con mille altre indigestioni di Elettronica, Rock, horrorcore e chissà cos’altro. I 16 Barre non sono per tutti i palati, sono intelligentemente ruvidi, brillantemente hardcore, pazzi visionari con il gusto dell’assurdo; vi invito ad ascoltare le loro follie precedenti, da “No God” a “Li ho visti ancora”, giusto per farvi un’idea di cosa stiamo parlando.

E “St. Hope” non è sicuramente più immediato dei titoli appena citati, ma complessivamente possiede un gusto più classico. L’ingresso nel gruppo di Jack Burton (complimenti per il nome!) offre sonorità un po’ più tradizionali, senza però rinunciare alla vena sanguinosa del gruppo, caratteristica che li ha resi tra i più cupi e visionari esponenti dell’Hip-Hop italiano. Intrecciando i testi di brani come “R.i.pieces” o “Démon”, si rischia di far impallidire sia un Charles Manson che un Isaac Asimov: i due mc’s mescolano religione, fantascienza e citazioni cinematografiche, in un connubio horrorcore mai grottesco, anzi molto curato nel lessico, nelle argomentazioni, nei tappeti sonori e nello stile lirico.

Ciascuna delle dodici tracce è un racconto lucido, scandito da due narratori allucinati che non smarriscono mai la loro logica, visioni assurde che però guardano sempre alla quotidianità, come in “Army of toys”. “St. Hope” è quindi un disco da scoprire, scavando nei significati, nei significanti, nei rimandi; e lasciandosi trasportare dal flusso perfettamente equilibrato di musica e liriche, cogliendone ogni dettaglio. Il consiglio è di non spaventarsi al primo ascolto, perché “St. Hope” non è un progetto semplice e questo è fuori da ogni dubbio, tuttavia ha la capacità di stuzzicare immaginazione e cervello. Raramente si trova tale lucidità nella follia, perciò non perdetevelo (tra l’altro è pure gratis…).

Tracklist

16 Barre – St. Hope (No label 2013)

  1. St. Hope
  2. R.i.pieces
  3. Démon
  4. La follia dell’uno
  5. Dreamnouts
  6. Army of toys
  7. Klarknova
  8. Guns [Feat. Musteeno]
  9. Quello che so
  10. The core
  11. Quello che ho dato (bonus track)
  12. Non ti buttare (bonus track)

Beatz

Tutte le produzioni di Jack Burton

Scratch

  • Dj Bicchio: 8