Insight – Ears Hear Spears

Voto: 4

In origine fu “Travel At Your Own Pace”, verrebbe da dire; e invece no, perciò facciamo un passo indietro di circa dieci anni, quando Andre Todman, in arte Insight, rientrava negli Stati Uniti dopo aver vissuto a Berlino, Earl Davis, in arte Damu The Fudgemunk, si faceva le ossa coi Panacea e la Redefinition Records non era ancora stata battezzata. I due, che già si conoscevano, cominciarono a lavorare a un album collaborativo da sottoporre alla Tres Records, la quale tuttavia ne rifiutò la pubblicazione per ragioni non meglio chiarite; poco intenzionati a darsi per vinti, ripartirono quindi da zero e, in soli dieci giorni, chiusero il gioiellino di cui sopra, che alla label per fortuna piacque – e a noi pure! Quella cartella rifiutata era appunto “Ears Hear Spears”, titolo che, una decade esatta dopo, Damu e Insight decidono di riesumare per l’etichetta del primo in un’edizione che propone ben quattro formati (CD, vinile, tape e digitale), rinunciando al moniker Y Society – in effetti successivo.

Inevitabile partire da una domanda: cosa non convinse i tipi della Tres, co-fondata da Thes One dei People Under The Stairs e Chikara Kurahashi dei Giant Panda? Difficile dirlo; se dovessimo esprimere una preferenza tra “Ears…” e “Travel…”, la scelta ricadrebbe senza esitazioni sul secondo, più imprevedibile e istrionico, ciononostante si muovono entrambi nella medesima direzione, volgendo lo sguardo al passato, alla tradizione e a un equilibrio che assegna identico spazio all’mc e al beatmaker. Non mancano, come da consuetudine, un brevissimo intro, dei piccoli interludi e il remix d’ordinanza, nei suoi quaranta minuti abbondanti di durata l’insieme è però omogeneo e compatto, frutto di un’intesa che nasce collaudata e non manifesta particolari cedimenti neppure dopo una stagionatura così lunga.

Venendo al punto, “Ears Hear Spears” è un disco che viaggia per definizione sull’onda emotiva del back in the days e un brano come “Never Be The Same”, tra ricordi (<<artists that influenced me back then now classic/ripped plastic from cassettes that I looked forward to rock/instead of spending on lunch money was stored in a box>>) e pura nostalgia (<<I remember the weather wherever I was walking/playing my realistic walk man, everybody could hear it/music I’d wear it people talking knew it’s part of my spirit/at that age when the world had more pages of amazement>>), scaraventa l’ascoltatore nel pieno della golden age, certo anche a causa di un beat che affianca archi e batteria – cui si aggiunge una chitarra acustica in corrispondenza della terza strofa – secondo un gusto compositivo inconfondibile. Rappusità a parte (“Rather Unique”, “Aight If You Bite”), la tracklist offre riflessioni anche su società (la sinistra “All Human”) e industria musicale (“Know The Meaning”), sfiorando addirittura il racconto distopico in “Gunnin’” e “You Couldn’t See Me”.

Al netto di un ventaglio tematico efficace ma ordinario, il pregio principale di “Ears Hear Spears” risiede comunque nella chimica sprigionata dal duo, con Damu che puntella il flow tutt’altro che morbido di Insight attraverso delle strumentali ispirate dal miglior boom bap e quest’ultimo che ne sposa in toto la ruvidezza melodica. Senza dilungarci sui breakbeat a dir poco deliziosi, spine dorsali a ridosso delle quali ogni traccia trova una sua forma precisa, l’adattamento dell’uno all’altro è palese nell’andatura sconnessa di “Gunnin’”, non a caso cavalcata da una delle prove più energiche dell’mc, nell’uso di quei fiati polverosi per “When Are We Gonna Get It Together”, una sorta d’invito all’unità che è per metà retorica e per metà paternale, e nelle solide simmetrie di “Aight If You Bite”, che alle barre serrate del rapper fa seguire una gradita sessione ai piatti del dj.

Non occorre aggiungere altro: se conoscete Insight The Truncator, Damu The Fudgemunk e la Redefinition sapete di cosa parliamo; in caso contrario, è davvero tempo di rimediare.

Tracklist

Insight – Ears Hear Spears (Redefinition Records 2017)

  1. Prelude
  2. All Human
  3. Never Be The Same
  4. Gunnin’
  5. Know The Meaning
  6. When Are We Gonna Get It Together
  7. Rather Unique
  8. You Couldn’t See Me
  9. Aight If You Bite
  10. It’s Over
  11. Know The Meaning Remix

Beatz

All tracks produced by Damu The Fudgemunk

Scratch

All scratches by Damu The Fudgemunk

The following two tabs change content below.

Related posts

conwaythemachinereject2.jpg
delasoulandtheanonymousnobody.jpg
horseshoegangantitrapmusic.jpg