Exile – Dirty Science

Voto: 3 +

ExileDirtyScience400Parlando di Exile, viene naturale accostargli due nomi, Aloe Blacc e Blu, le cui voci hanno finora accompagnato in maniera determinante la carriera del produttore californiano. Entrambe le relazioni sono state molto prolifiche, soddisfacenti e durature (circa dieci anni per ciascun rapper!), tanto eterogenee quanto collegate da un solido mood musicale. Premesso ciò, “Dirty Science” è un lavoro fondamentale nella vita artistica di Ex, in quanto rappresenta appunto il passaggio tra le due esperienze di cui sopra, la fine del progetto Emanon e l’inizio dell’avventura con Blu che, fortunatamente, ha portato all’ottimo “Below The Heavens”.

Il disco si presenta quindi con un ossatura molto varia, diverse voci e sonorità caratterizzano il lavoro mostrando forse la parte più estroversa e sperimentale del produttore, tanto da ispirarlo per la successiva fondazione dell’omonima label. Se la produzione è totalmente nelle mani di Exile, al microfono si alternano invece molte figure: Oh No, M.E.D., Trek Life, Ghostface Killah tra gli altri, oltre appunto ad Aloe Blacc e Blu, per un’oretta complessiva di musica. Predominante, come al solito, la parte melodica, spesso infatti è il beat a fare da sfondo alla componente strumentale, invece che il contrario. Dal giro di piano di “Time Has Come”, che ci riporta a ricordi cinecestisti (“Space Jam”), al campione di Steve Miller offerto agli Slum Village, fino alla celestiale e malinconica “Spittin’ Image” e alle note di “Fly”, con un Blu che lascia presagire il roseo futuro della coppia, l’atmosfera si mantiene morbida. Non mancano, comunque, episodi più duri, penso a “Pay The Co$$” con Ca$hiu$ King o tracce più canoniche quali “Blamexile” ed “A Few Words From…”, le cui eccellenti barre di Trek Life vanno a contrapporsi al clima rilassato e scanzonato saggiato lungo il resto di “Dirty Science”. Non sempre, tuttavia, questa diversità di stili riesce a creare buoni incastri tra le tracce, mancando un filo conduttore vero e proprio all’interno del progetto.

Inoltre, se non si ravvisano vere e proprie cadute né sul versante delle produzioni, né su quello lirico, neppure emergono grandi exploit o hit da ricordare. Tra gli episodi che preferisco, cito sicuramente “Newest Greatest” con Oh No, perché i due si completano abbastanza bene, e la particolarissima “Move On ‘Em”, che taglia in maniera originale un campione di D-Train. Uscita, nel complesso, positiva e da apprezzare, che va ad aggiungersi al denso puzzle della carriera di Exile e di certo è servito da trampolino per i lavori successivi, che vi consiglio vivamente di recuperare. In una parola? Spartiacque!

Tracklist

Exile – Dirty Science(Sound In Color 2006)

  1. Welcome [Feat. Miguel Jontel]
  2. Time Has Come [Feat. Slum Village and Benjamin Lakey]
  3. Spittin’ Image [Feat. Aloe Blacc]
  4. Pay The Co$$ [Feat. Co$$]
  5. I Don’t Think You Understand (Freestyle)
  6. Summer In LA [Feat. Miguel Jontel]
  7. Notch [Feat. MED]
  8. Maintain [Feat. Blu, Ca$hiu$ King, Donel Smokes and Miguel Jontel]
  9. Newest Greatest [Feat. Oh No and Roc ‘C’]
  10. Tell You [Feat. Blu, and Aloe Blacc]
  11. Blamexile [Feat. Blame]
  12. Move On ‘Em [Feat. Ta’Raach]
  13. Do Not Touch [Feat. Johas]
  14. A Few Words From… [Feat. Trek Life]
  15. Smoke & Mirrors [Feat. Kardinal Offishall]
  16. Fly (Song Of Liberation) [Feat. Blu]
  17. Silver Moon
  18. Milk ‘Em (Exile Version) [Feat. Ghostface Killah, Trife and Tara Ellis]

Beatz

All tracks produced by Exile

The following two tabs change content below.

Paolo HCM

Ultimi post di Paolo HCM (vedi tutti)

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
FugeesBluntedOnReality.jpg