Edo. G, Shabaam Sahdeeq and Fokis – Recognize Your Power

Voto: 3,5

Nel corso di una recente intervista, Edo. G ci ha gentilmente raccontato la principale motivazione dietro ai temporanei sodalizi tra veterani, un’usanza oggi molto più comune di ieri grazie alle infinite possibilità offerte dalla tecnologia, la quale ha facilitato collaborazioni altrimenti poco praticabili. Il fine – oltre che per cogliere una nuova opportunità di lavoro – è lo scambio vicendevole di fan, uno strumento ideale per far meglio conoscere il proprio catalogo creando i presupposti per la genesi di titoli come “Recognize Your Power”. In questo caso non servono più di tante presentazioni: Edo. G dovreste conoscerlo piuttosto bene se vi collegate di frequente tra queste pagine, trattasi difatti di una longeva leggenda vivente cui è attribuita l’ascesa della città di Boston nel quadro generale dell’Hip-Hop, mentre alla fama di Shabaam Sahdeeq potete abbinare quattro nomi fondamentali per l’underground, ovvero Lyricist Lounge, Soundbombing, Polyrhythm Addicts e Rawkus Records, che una volta elencati non necessitano di ulteriori approfondimenti per essere collegati all’eccellente qualità lirica del personaggio in questione.

Dall’unione di due mc’s dall’ottimo background nasce un EP di nove pezzi al lordo di intro, outro e saluti finali, una prova breve ma più che felice nel mettere in mostra le indubbie qualità liriche di un tag team composto dal Rap scorrevole e molto diretto di Sahdeeq e dallo stile maggiormente concettuale e ricco di rime interne (da sempre un suo segno distintivo) di Edo, posti sul medesimo piano di gioco dalla comune individuazione di Fokis per creare il giusto sottofondo musicale, sfruttandone l’abilità nella selezione di sample perfetti per ricreare quella particolare atmosfera che negli anni novanta rappresentò l’apice del nostro amato boom bap. “Recognize Your Power” non è una semplice esibizione atta ad esplorare le notevoli abilità dei due; o meglio, è anche questo, ma non solo. Il concept di fondo del lavoro è strettamente legato alla messa a fuoco del proprio potere interiore e del corretto utilizzo delle capacità possedute, tesi avvalorata dallo spoken word che apre e chiude l’EP e dal messaggio generale che più o meno tutti i brani tendono a diffondere.

Episodi come “Open Ya Eyes” sono emblematici di quanto appena detto, si tratta di un pezzo coscienzioso che invita a non sprecare né il tempo né il talento a disposizione in questioni marginali, rivolgendosi ad ogni aspirante mc che rischia costantemente di rimanere intrappolato nei cliché che avvolgono una comunità spesso priva di alternative concrete una volta terminate le occasioni date da Hip-Hop e carriera sportiva – tra l’altro su un bel giro di corde pizzicate e un Fokis in grado di tenere il microfono con agio e personalità. Altresì significativa risulta essere “Trust Ya Self”, costruita grazie a una cassa rotondissima e ad alto tasso di grasso, brano che fa emergere la necessità di reagire nei confronti del sistema, mirando a una posizione comoda in una società dove i privilegi sono sempre per pochi (nonché per gli stessi) e dove si è chiamati a sopravvivere nonostante tutte le difficoltà e gli ostacoli posti di continuo sul percorso, tematiche consone alle polemiche strofe di un Ras Kass che chiude coerentemente il cerchio.

“Wild Young Man” mette invece sul piatto non due ma tre eccellenti flow, allacciando la brillante interazione tra Edo e Shabaam agli esaltanti giri di slang del sempre potentissimo Planet Asia, un brag Rap sviluppato su una doppia tonalità di archi sminuzzati al minimo della durata che posti in sequenza costituiscono una solidissima ossatura del pezzo. Già che abbondano gli ospiti di qualità, pare più che opportuna la scelta di chiamare in azione pure Torae, che assieme al duo principale dà vigore all’unico beat un po’ pigro del lotto, quello di “Play To Win“, opponendosi alle imposizioni di una società che tende a schiacciare l’individuo.

Tracce come “Yin & Yang” passano invece alla concettualità pura proponendo una costruzione sinottica del testo, una continua contrapposizione sul bivio che ogni rapper si trova puntualmente ad affrontare nel decidere cosa fare del proprio talento e della propria integrità artistica, qualità che non difettano certo ai due protagonisti i quali assieme al veterano Craig G utilizzano infine “Hiroshima” per ricordare di avere molto da insegnare al microfono – sentire come viaggiano con le rispettive strofe per averne conferma – mentre i sample di archi e chitarra acustica creano un sottofondo molto dinamico e ben assemblato.

“Recognize Your Power” rispecchia le attese offrendo una combo a effetto tra due veri intenditori dell’arte dell’mcing, coordinata attraverso una produzione classica dove a spiccare è la capacità di Fokis nel comporre beat basati su sequenze ben coordinate tra i vari campioni scelti, una discreta varietà nella selezione degli stessi e una dotazione di batterie dal risultato assicurato. Nonostante sia annoverabile tra le uscite meno conosciute e pubblicizzate dell’anno – e non sia poi così corposa sul versante della quantità – è un’occasione da non perdere per chi cerca dell’Hip-Hop tradizionale e di qualità.

Tracklist

Edo. G, Shabaam Sahdeeq and Fokis – Recognize Your Power (Loyalty Digital Corp. 2016)

  1. Recognize Your Power [Feat. Liteskin]
  2. Wild Young Man [Feat. Oh No and Planet Asia]
  3. Trust Ya Self [Feat. Ras Kass and Fokis]
  4. Yin & Yang
  5. Open Ya Eyes [Feat. Fokis]
  6. Play To Win [Feat. Torae]
  7. Hiroshima [Feat. Craig G]
  8. Libertad [Feat. Liteskin]
  9. Shout Outs

Beatz

All tracks produced by Fokis

Scratch

  • Dj Eclipse: 5
The following two tabs change content below.
Mistadave

Mistadave

Mistadave

Ultimi post di Mistadave (vedi tutti)

Related posts

conwaythemachinereject2.jpg
delasoulandtheanonymousnobody.jpg
horseshoegangantitrapmusic.jpg