Bumpy Knuckles and Statik Selektah – Lyrical Workout

Voto: 3/3,5

BknuckSselLW11500Periodo sicuramente indaffarato e prolifico questo per Freddie Foxxx, che nel giro di quindici giorni ha pubblicato sia il suo disco in collaborazione con KRS-One, “Royalty Check”, che “Lyrical Workout”, partorito con l’appoggio totale alle produzioni di Statik Selektah, che allunga quindi il suo curriculum di contributi con artisti di stampo sotterraneo. Rispetto alla consuetudine, le idee del produttore di Boston, pur non apportando sostanziali modifiche di stile e concepimento, riescono a non cadere nella trappola dell’ossessione per il campione vocale pitchato, sopra il quale Statik ha costruito anche di recente file e file di brani non sempre freschi: di certo c’è che viene confermata la tendenza alla ricerca del suono morbido in contrapposizione a sezioni di batteria che picchiano forte e che di tanto in tanto salta fuori l’attenzione dell’orecchio per la hit underground che, presa singolarmente, produce ascolti a ripetizione. E’ quest’ultimo il caso dell’introduttiva “Still Got It”, dotata di una sezione ritmica accattivante e di un giretto di piano perfettamente calzante, che la rende elevata rispetto al resto dell’album sin dai primissimi momenti.

I beat trovano quasi sempre un corretto equilibrio tra episodi con evidenti caratteristiche melodiche e tracce dove la durezza e la ripetitività la fanno da padrone: “Lyrical Workout”, essenziale doppio giro di piano, e “Animalistic”, piuttosto pesante, sono tra i brani che martellano più a fondo, mentre di timbro differente sono “Beats On ‘Em” e il suo loop di tromba, nonché “Beat It Up”, la miglior produzione dell’album, molto armoniosa ed elaborata. Come accade in ogni lavoro di Statik Selektah, si registrano molti alti e bassi, il producer è capace di piazzare tre piccole bombe una di seguito all’altra come di ammosciarsi di colpo, ad ogni positività corrisponde spesso una caduta di stile del livello di “Ambition”, che sembra la brutta copia di un beat dei Mobb Deep edizione G-Unit, o come “Not What I Say”, davvero anonima e poco adatta allo stile del rapper. In altri casi, la traccia è cicciona ma odora di già sentito, come nell’emblematico caso di “Blast Yourself”, che suona benissimo ma altro non è che la “Madness” dei Deltron con una batteria maggiormente dinamica. Dal punto di vista delle liriche, nulla di nuovo sotto il sole.

Bumpy Knuckles non è più aggressivo come ai tempi del vendicativo “Industry Shakedown” e questo è un dato oramai assodato e (forse) incontrovertibile, perciò la perdita di grinta nel mangiarsi il microfono non fa che mettere più in evidenza i limiti tematici insiti nei testi. Quando Freddie è motivato fila via tutto liscio, perché in quei momenti la compattezza della sua figura e la forza fisica di alcune basi seguono il filo dell’intento del disco, mentre scricchiola un po’ di più quando l’mc si accontenta di mettere in rima qualche metafora molto elementare, roba che non impressiona come potrebbe, il tutto appesantito dal fatto che gli argomenti sono o le battaglie contro il fake Hip-Hop, o fiumi di minacce che sfociano sempre e solo nello stereotipo dell’essere migliore o più potente di qualcun altro, oppure ancora i consigli da tramandare ai posteri per mantenere la purezza del genere, come accade in “The Grand Finale”.

“Lyrical Workout” è un disco che mette in mostra sia i suoi pregi che i suoi difetti, tanto è apprezzabile in molte sue parti quanto limitato in alcune altre. Bumpy Knuckles e Statik Selektah fondono liriche e beat per formare un’amalgama compatta al fine di sbatterla in faccia ai patinati, inneggiano all’ennesima rivolta nei confronti dell’Hip-Pop ed accendono la voglia di seguirli, tuttavia pregiudicata da quel pizzico di ripetitività che rende l’album buono e nulla più.

Tracklist

Bumpy Knuckles and Statik Selektah – Lyrical Workout (Showoff Records/Krupt Mob 2011)

  1. Still Got It
  2. Animalistic
  3. Lyrical Workout [Feat. Noreaga]
  4. Beats On ‘Em
  5. Not What I Say
  6. Don’t Do Fake
  7. Blast Yourself
  8. Beat It Up
  9. Pen Game
  10. Who Did The Beat?!
  11. Rock Solid
  12. Ambition
  13. For You
  14. The Grand Finale

Beatz

All tracks produced by Statik Selektah

The following two tabs change content below.
Mistadave

Mistadave

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
FugeesBluntedOnReality.jpg