Buck 65 – Talkin’ Honky Blues

Voto: 4,5

Buck652003500<<Wicked and wierd, I’m a road hog with an old dog/singing slow songs, tryin’ a hold on/wicked and wierd, I’m a rat fish/tryin’ a practice doin’ back flips on your mattress>>. “Talkin’ Honky Blues” segna il passaggio verso un nuovo capitolo nella progressione musicale di Buck 65, che nel suo ultimo disco, invece che prendere spunto dai grandi nomi dell’Hip-Hop, sembra quasi ispirarsi ai maestri della Beat Generation e alla loro poetica allucinata, condividendone atmosfere e stati emotivi. “Talkin’ Honky Blues” ha appunto l’aria di un disco on the road, racconto – più che esperienza – fuori dal tempo e solo in parte affine alla precedente discografia dell’autore, da cui si discosta in primis per la struttura meno arbitraria del tutto (penso a “Man Overboard”, privo di tracklist, e “Square”, diviso in quattro tracce di circa quindici minuti l’una).

<<The views are inspiring, bare and chameleon/reflections and shadows play on the ceiling/troubles are handled with propriety and no delay/all I have to do is pull the anchor up and float away>>. Più che un mc in senso stretto, Buck 65 si direbbe un moderno poeta Blues che piega il Rap alle proprie esigenze: la voce un po’ roca, pacata, malinconica, in alcuni momenti quasi sussurrata, i testi che affrontano tematiche personali (“Tired Out”, sulle conseguenze delle bugie rifilate a una donna: <<when I cheated on Sarah/there wasn’t a star in the sky/it was covered in clouds/and I started to cry […] I wanted to die/the future wasn’t awfly stable/photographs burned while I stared at the coffee table/the little dog laughed>>), attraversano scenari visionari (“Wicked And Weird”: <<not a care in the world, not a how and a why/no destination, not a cloud in the sky>>) e si rivelano particolarmente profondi (“Roses And Bluejays” mette a confronto le rispettive personalità di un padre e un figlio).

Musicalmente, la scelta può dirsi altrettanto insolita ma non meno riuscita: al posto del Funk e del Jazz abbiamo un largo utilizzo di strumenti a corda (in particolare chitarre acustiche) abilmente incrociati al turntablism e alle classiche batterie di Buck 65, influenze che imprimono a “Talkin’ Honky Blues” l’atmosfera rarefatta e polverosa di un Western vecchio stampo (<<a deaf violinist plays on the docks/he’s missing a tooth and he stands on a box>>), come in “Riverbed 3” e “Riverbed 5”. Non mancano, tuttavia, brani più vicini al sound obliquo del Nostro (“Leftfielder”, “Protest”, “463”) e il mood, pur con tutte le sue particolarità, rimane sempre saldamente agganciato all’Hip-Hop.

Cosa aggiungere? Nulla; se non avete ascoltato molto di quest’insolito artista è il momento giusto per rimediare.

Tracklist

Buck 65 – Talkin’ Honky Blues (Warner Music Canada 2003)

  1. Leftfielder
  2. Wicked And Weird
  3. Riverbed 1
  4. Sore
  5. Protest
  6. Riverbed 2
  7. Exes
  8. Roses And Bluejays
  9. Riverbed 3
  10. 50 Gallon Drum
  11. Riverbed 4
  12. 463
  13. Riverbed 5
  14. Killed By A Horse
  15. Riverbed 6
  16. Tired Out
  17. Craftsmanship
  18. Riverbed 7

Beatz

All tracks produced by The Entity (Buck 65, T.O.A.B. La Rone and Grӕmatter)

Scratch

All scratches by Buck 65

The following two tabs change content below.

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
FugeesBluntedOnReality.jpg