Bloodline – Let The Blood Spill

Voto: 4,5

bloodline2009500Non è certo semplice essere innovativi e spiccare per originalità nel mondo musicale di oggi, ogni ambito sembra essere stato studiato, tutte le melodie elaborate, digerite e modificate: è pertanto molto semplice cadere nell’imitazione o nella mera copiatura. Per questo ogni nuovo artista deve quantomeno essere in grado di partire da qualcosa di già esistente, con basi solide, e rigenerarlo, apportando tocchi personali e fortemente caratterizzanti. In tal senso ho letto molte opinioni negative su “Let The Blood Spill”, ritenuto da molti una scopiazzata dello stile horrorcore di Necro e familiari. Che dire… Per cominciare, il buon Braunstein non ha inventato l’horrorcore; ad introdurre il sottogenere furono gruppi come Flatlinerz e Gravediggaz nella prima metà degli anni novanta; in secondo luogo, i Bloodline propongono un prodotto di alta qualità e cucito su misura per il loro stile strettamente personale di Rap tinteggiato di horror. La sostanziale differenza che li distingue da Necro e compagni è il maggior peso dato alla tecnica, sia nella produzione musicale che nelle metriche e nel flow.

Le basi sono composte da batterie molto aggressive e accompagnate da campioni dal sentore cupo e dal retrogusto apocalittico, scostandosi dalle sonorità dei Non Phixion grazie a un numero di bpm più accentuato e il timbro decisamente street: la quasi totalità dei campioni proviene da b-movie horror degli anni ’70/’80 e da composizioni classiche ricche di fiati, archi e scuri pianoforti. Ma è nelle liriche che il prodotto prende un’altra piega: le rime sono ricchissime di soluzioni e lo stile di Lord Lhus, Venom e Malikiah si concretizza in una connotazione più serrata, rapida e di notevole efficacia; non credo di esagerare nel dire che i suddetti siano un passo avanti, almeno riferendoci a ciò, rispetto ai più noti rappresentanti dell’horrorcore o del death Rap. Dal principio alla fine l’album stilla banger e solo un paio di episodi rallentano il mix letale (“Infect Ya Heart”, troppo blanda, e la titletrack col solito campione di chitarre Metal).

L’unico punto debole, che poi è esattamente lo stesso riscontrabile in quasi tutti i prodotti del genere, concerne le tematiche. A prevalere sono infatti l’autocelebrazione, condita da richiami satanici, scene di violenza e rimandi all’horror che, a lungo andare, possono risultare un po’ ridondanti e inflazionati. A parte questa (piccola) pecca considero “Let The Blood Spill” un album di grande rilevanza: nonostante la chiara appartenenza a un determinato sottogenere, è possibile riscontrarvi una buona dose di rivisitazione ed inventiva che ne consentono un posizionamento a un livello superiore rispetto ai molti album che dovrebbero rappresentare il medesimo filone. Consigliatissimo.

Tracklist

Bloodline – Let The Blood Spill (Black Mass Ritual 2009)

  1. Blood In
  2. Open The Gates
  3. Deadly Remedy [Feat. Little Vic]
  4. Hollow Groundz [Feat. Wally Worm aka Qualm]
  5. Inhale The Danger 2009
  6. Tales From The Crypt [Feat. Mr. Morbid]
  7. Eternel Madness [Feat. Dr. Ama aka Dark Skinned Assassin]
  8. Infect Ya Heart
  9. Warlordz (Venom Solo)
  10. 4th Chapter [Feat. Eternel and Apacalypze]
  11. Stab Woundz [Feat. Eternel]
  12. Salems Lot [Feat. Eternel and Jnyce]
  13. Riddle Of Steel
  14. Sign Of The X [Feat. Planet X]
  15. Bleeding Season [Feat. Knowledge and Kid Fade]
  16. Let The Blood Spill
  17. Torture Rap
  18. Winds Of Plague [Feat. Eternel]
  19. Resurrection [Feat. Jak Progresso]
  20. The Last Breed [Feat Shallow Pockets]
  21. Blood Out

Beatz

  • Al’tarba: 1, 2, 5, 14, 20
  • Vokab: 3, 10, 11
  • Eternel: 4, 7, 9, 13, 17, 21
  • Gengis Khan: 6
  • KR: 8
  • Anabolic: 12
  • Lord Lhus: 15
  • Melph: 16
  • Stijin: 18
  • Benzie: 19
The following two tabs change content below.

Cazza

Ultimi post di Cazza (vedi tutti)

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
FugeesBluntedOnReality.jpg