Anagogia – Pillole

untitledHo deciso di dare un primo ascolto al disco di debutto di Anagogia in seguito alle belle parole spese pubblicamente da Raige, uno che anni fa qualcosa di buono a livello musicale ha fatto. Sebbene in un primo momento “Pillole” non mi fosse piaciuto granché, dopo svariati ascolti ho avuto modo di trovarci alcuni spunti positivi, specialmente in prospettiva futura. Nuova leva del Rap italiano e della scena torinese, Anagogia si presenta al grande pubblico con alle spalle la guida artistica del suddetto Alex Vella. Essendo probabilmente cresciuto con “Sotto la cintura”, il suo stile è fortemente contraddistinto da uno spiccatissimo uso di punchline, a volte riuscendo ad inserirle in un insieme concettuale più ampio, altre volte non riuscendo a spingersi oltre ciò che io considero un esercizio lirico fine a se stesso.

Davvero bella, invece, l’idea di raccontare con “Droghe” il proprio mondo attraverso continue metafore e allusioni alle più svariate sostanze stupefacenti. Piuttosto originale anche “Quattro” e l’immedesimazione in colui che occupa costantemente la quarta posizione in classifica, pronto a insediare il podio (peccato che lungo tutto il disco ritroviamo un continuo egotrip, più consono a chi crede di portare al collo la medaglia d’oro). Complessivamente, Anagogia dimostra di avere grandi potenzialità al microfono ma, nonostante la presenza di flow e tecnica sia indiscutibile, dal punto di vista dei contenuti si ha troppo spesso la sensazione di déjà-vu (o déjà-écouté) non lasciando molto all’ascoltatore alla fine del percorso. Oltre i due episodi citati prima, meritano un ascolto anche l’intro e “Devil’s advocate”, mentre il resto tende a passare abbastanza nell’anonimato. Tuttavia, c’è da riconoscere che l’mc si dedichi, e complessivamente con discreti risultati, anche alla produzione di ben dieci delle tredici tracce complessive: i suoni non si discostano di un millimetro dai canoni attuali, ma è apprezzabile il fatto che vi sia un impegno artistico a tutto tondo. La lista dei produttori è completata poi da Big Zilla (e il suo beat in “Champions” è una bella cartella), Vox P e Rise Beatbox (dal nome già vi potete immaginare di che tipo di produzione si tratti). Anche la lista dei featuring è molto corta, dal momento che sono stati chiamati all’appello solo i fratelli Vella (meglio Ensi di Raige), Zuli ed En?gma per il remix di “Panic room”.

Tirando le somme, “Pillole” arriva sicuramente alla sufficienza se paragonato ai suoi contemporanei e Anagogia ha di certo grandi potenzialità. Il giudizio finale sull’artista rimane tuttavia in sospeso, in vista delle sue prossime uscite.

Tracklist

Anagogia – Pillole (Warner Music Italia 2015)

  1. Intro
  2. Panic room
  3. Droghe
  4. Quattro
  5. Champions [Feat. Ensi]
  6. Devil’s advocate
  7. Temporale [Feat. Zuli]
  8. Pillole
  9. Claro compare [Feat. Rise Beatbox]
  10. Bondage [Feat. Raige]
  11. Idiot
  12. Supereroi
  13. Panic room rmx [Feat. En?gma]

Beatz

  • Anagogia: 1, 2, 3, 4, 6, 7, 8, 10, 11, 13
  • Big Zilla: 5
  • Rise Beatbox: 9
  • Vox P: 12

Scratch

  • Dj Slait: 1
The following two tabs change content below.
Blond Dee

Blond Dee

Blond Dee

Ultimi post di Blond Dee (vedi tutti)

Related posts

ClaverGoldRequiem.jpg
AxosMitridate.jpg
SferaEbbastaCharlieCharlesXDVR.jpg