Alterbeats – The French Revolution

Voto: 3,5 | Reviewed by Jonathan

Per chi non l’avesse già capito, io sono assolutamente contro tutti i progetti che prevedano più di due mc’s e un solo produttore (o un ridotto team di produttori), in particolar modo mal digerisco le compilation. Ancora meno riesco ad ascoltare un album di rapper americani annoiati su produzioni europee in cerca di gloria e fama a suon di dobloni. Ovviamente la mia paperinesca sfortuna mi porta sempre a incappare bimestralmente in almeno uno di tali progetti – probabilmente è il karma a decidere per me! Ebbene, per qualche strano motivo questa volta la situazione è un po’ più rosea di quanto temessi e “The French Revolution”, prodotto dal francese Alterbeats (del collettivo Alterprod), è un disco che si lascia ascoltare senza particolari insoddisfazioni.

Gli mc’s chiamati a partecipare sono davvero moltissimi e alcuni sono decisamente degli ospiti prestigiosi, come ad esempio i veterani Sadat X e A.G., altri sono meno noti ma ugualmente a loro agio sulle produzioni del beatmaker. Di rivoluzionario, va detto, non c’è poi molto, se non l’assenza (da me gradita) di rapper francesi, evitando quindi atmosfere da banlieue che piacciono ad alcuni e annoiano altri (eccomi, sono uno di questi). I suoni non mirano a nulla di particolarmente innovativo, eppure si evita spesso la strada più convenzionale, preferendo una maggiore ricerca a livello di struttura del ritmo (nulla di fantascientifico, comunque, ma se date un ascolto a tracce quali “TV Screen” o la non proprio riuscitissima “The Nod”, converrete anche voi che non si tratta del boom bap più classico – certo, la seconda è una tamarrata…).

Insomma, le atmosfere non sono male ma, come già detto, siamo di fronte al problema che la rivoluzione arrivi con qualche annetto di ritardo rispetto agli States e al Regno Unito (la Francia ha dei grossi problemi da questo punto di vista, se mi è consentito, ma la mia è un’impressione basata su massacranti viaggi in macchina di un amico che ascolta quasi solo Rap francese che suona come roba americana dei tardi anni novanta). Si distinguono per intelligenza e gusto nella scelta e gestione dei sample le ottime “Fast Lane”, squisitamente jazzata e malinconica, e “International Juggernaut” (è un violoncello quel suono lì? Non male il modo in cui si amalgama col resto del beat). Il punto centrale è comunque che non mi sembra di riconoscere uno stile proprio, ma si cerchi di far bene qualcosa che già piace a molti, e ciò abbassa il mio giudizio di parecchio.

Restano, in compenso, le buone performance dei rapper americani (una domanda leggermente tendenziosa: si tratta di una generale apertura mentale da parte di tutti questi artisti che si riscoprono filantropi o da qualche parte è diventata prassi cambiare euro in dollari e rimpinguare il conto dell’artista di turno?), tendenzialmente in linea coi beat, con qualche urlo di troppo ogni tanto, ma nulla d’imperdonabile. Volete i nomi di chi si dimostra particolarmente a suo agio sulle composizioni di Alterbeats? A mio parere Sadat X, Verbal Kent e Chief Kamachi.

Non un album fondamentale, quindi, ma nemmeno da evitare a tutti i costi. Se volete un disco europeo con degli mc’s fighi ascoltatevi “Rapping With Paul White”, che è ancora lì sul mio podio; tutto il resto (con rare eccezioni) si assesta sempre su un livello gravitante attorno alla sufficienza – e Alterbeats non è da meno.

Tracklist

Alterbeats – The French Revolution (Alterprod 2012)

  1. Next Execution [Feat. Verbal Kent]
  2. TV Screen [Feat. Chief Kamachi, Kromeatose and Block McCloud]
  3. The Nod [Feat. The PainKiller Crew (Amadeus The Stampede and Rite Hook)]
  4. True Rhyme [Feat. Divine]
  5. Kamikaze MC’s [Feat. Foundation (Jon Murdock and Lex Starwind)]
  6. Fast Lane [Feat. Main Flow, Access Immortal and Estee Nack]
  7. Alter Ego [Feat. Sadat X, A.G. and Lion Of Bordeaux]
  8. International Juggernaut [Feat. Red Eye, Willy Maze, Murdoc and Shinobi Staline]
  9. What’s Realer [Feat. Halfabrick]
  10. NYC Evils [Feat. Shabaam Sahdeeq, Halfabrick and Spicco]
  11. Merovingian Revenge [Feat. The Lost Children Of Babylon]
  12. Making You Proud [Feat. Carnage 45 and Ihsan Bilal]
  13. Revolution On My Brain [Feat. Reef The Lost Cauze and Freestyle]
  14. Watch We Combine [Feat. The Absouljah]
  15. The Take Over [Feat. Lord Lhus and Sicknature]
  16. The War Effect [Feat. Banish, Aims and The Armada (Johnny Teflon and Dj Rybe)]
  17. Revolución [Feat. Shabaam Sahdeeq, Bekay and Lateb]
  18. Coup De Grâce [Feat. Amadeus The Stampede]

Beatz

All tracks produced by Alterbeats

Scratch

  • Dj Modesty: 1, 8, 10, 11, 13, 15
  • Dj Rybe: 16
The following two tabs change content below.

Related posts

oceanwisdomchaos93.jpg
LushlifeCSLSXRitualize.jpg
FugeesBluntedOnReality.jpg